Passa ai contenuti principali

Cartoline dalla Germania

Vivere in Germania significa anche scoprirne angoli nuovi ogni volta che mi è possibile. Complice un sistema di trasporti che, nonostante qualche pecca, funziona decisamente bene, ne approfitto spesso e volentieri per mettermi in marcia e scoprire questo e quell'angolo dimenticato. Per quanto possa sembrare banale, spesso e volentieri imparo pure qualcosa mentre, con lo zaino in spalla, mi muovo tra vicoli e banchetti. Di seguito, in continuo aggiornamento, trovate le cronache semi-sentimentali e pseudo-filosofiche del mio girovagare. La sigla DCEE indica il fatto l'articolo in questione sia stato scritto per Donne che Emigrano all'Estero e si trovi, quindi, su quel sito.

AmburgoRitrovare se stessi a Amburgo [DCEE] | La Kunstmeile: Parte 1 - Parte 2 - Parte 3
Berlino | In Berlin darf man das

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat Life || Malinconia canaglia

Lo scorso fine settimana ho avuto l'opportunità di incontrare Vincenzo Guerrizio, giornalista di Rai Tre, per chiacchierare un pochettino di Hartz IV e del miraggio di politiche simili in Italia. Senza stare a raccontarvi tutto quello che ci siamo detti (il servizio, a quanto ne so, è in fase di montaggio e poi verrà trasmesso #staytuned), mi soffermerò sulla domanda, legittima e al contempo maliziosa, che tutti, prima o poi, ci pongono. Poco prima di spegnere la telecamera, infatti, Vincenzo mi ha guardato un attimo prima di chiedermi: "Ma l'Italia ti manca?". Avrei potuto dire di no e passare per la dura di turno, o la figlia irriconoscente del caso. In un momento di coraggio, invece, mi sono concessa la verità.

Dell'Italia, mi mancano le piccole cose. Mi manca l'emporio sotto casa, il chiacchiericcio un po' rumoroso dei vicini, i treni, spesso e volentieri in ritardo, presi di corsa per andare a trovare questa o quell'amica. Mi manca la macchina p…