Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || L'ufficio tasse e rimborsi in Germania

... ossia del perché io, non si sa come non si sa perché, tutti gli anni penso di aver capito come compilare la dichiarazione dei redditi e finisco per non aver capito poi molto.

Premessa: da brava italiana, figlia di operai laboriosi che si sono affidati ogni anno alla stessa commercialista, ho, da sempre, un terrore quasi ridicolo nei confronti di tutte le beghe riguardanti il magico mondo delle tasse. Non ne capisco nulla, il gergo intorno a questo magico universo mi inquieta e, ad ogni passo, credo di aver fatto almeno tre passi falsi e di esser prossima all'incarcerazione a vita. Insomma: send help (inviate aiuto).


Una volta trasferitami in Germania, ho dovuto fare i conti con un meccanismo di rimborso delle tasse da un lato estremamente logico ma, dall'altro, altrettanto "arcano". A farla da padrone, questa volta, sono decreti legislativi pieni di clausole che, alla fine, ti servono solo a compilare l'ultima linea in fondo alla pagina sorvolando tutte le altre. A questo si aggiunge il fatto che, visto e considerato quanto lavori da privata e quanto da dipendente, il commercialista e/o l'iscrizione al CAF tedesco sono spese improponibili e buona parte dei suddetti CAF ha una lista d'attesa infinita. Sempre che risponda.
Morale della favola: tutti gli anni ne esce una e 'sta volta, complice il fatto dal 1 gennaio 2018 tutto il sistema sia computerizzato e i cartacei non esistano più, ho passato 15 minuti a guardare perplessa la signora del Finanzamt che, alla fine, mi ha preso la mano e detto: "Stia tranquilla. Ce la può fare. Sono solo numeri". L'anima pia che mi sono trovata di fronte, oltre ad avere offerto supporto morale, mi ha letteralmente spiegato che fare. Passo per passo. Indicandomi il perché ed il per-come di ogni passaggio/modulo/richiesta assurda. Insomma: sempre sia lodato.
Al solito: mostrare interesse ed intenzione a fare tutto secondo le regole ha funzionato. Non solo mi sono trovata davanti una persona competente e disposta ad ascoltarmi, ma ho capito come fare l'anno prossimo e, dopo un paio d'ore, avevo già inviato tutto. E anche per questa volta, come direbbe qualcuno, ci vediamo l'anno prossimo. 
(Ovviamente, il fatto io parli un ottimo tedesco e non mi sia affidata all'inglese ha aiutato. Negarlo sarebbe mentire. D'altro canto ho dovuto constatare che spesso è l'atteggiamento a fare la differenza: chi si mostra scontento o scazzato, spesso, se ne torna a casa con le pive nel sacco.)

Sam: 1 - Finanzamt: 0

E voi? Come affrontate le beghe burocratiche all'estero? Quali sono stati gli "intoppi" che vi hanno messo di fronte alla realizzazione che, vivaddio, esistono gli esperti del settore? Fatemi sapere nei commenti!

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…