Passa ai contenuti principali

|| Expat Life || Imparare insegnando

Una settimana fa ho concluso la mia ultima lezione di italiano per adulti in Germania, congedandomi non solo dalle mie studentesse ma anche da quel ruolo a metà tra l'insegnante ed il racconta storie che ho plasmato in questi cinque anni fatti di alti e, ovviamente, anche di bassi.
All'inizio, pensavo che per insegnare bene occorresse trasformarsi nella mia professoressa preferita, una donna un pochino rigida ma incredibilmente gentile, carismatica ma anche un po' tremenda. Grazie a lei mi sono innamorata della letteratura che tanto amo, di Flaubert Stendhal e Camus, pur se qualche volta mi sono proprio chiesta "ma chi me lo fa fare, di studiare così tanto?".
Con il passare del tempo, in ogni caso, mi sono resa conto che la soluzione fosse un'altra: essere me stessa. Ho smesso i panni della professoressa ed assunto quelli della confidente, della racconta storie, a volte dell'amica e qualche volta persino della nipote adottiva. Ho lasciato perdere nozioni grammaticali, filologiche e compagnia bella per lasciar spazio ad un'immagine un po' astratta dell'Italia che ho vissuto, di quella che amo e delle mille contraddizioni del Paese in cui sono nata.


Ho imparato moltissimo, confrontandomi con le centinaia di studenti che mi si sono alternati davanti.
Ho imparato ad apprezzare le cose un po' imperfette, dalle H dimenticate alle pronunce spesso decisamente avantguarde, passando per un numero variabile di "ani" e i dettati scritti in color azzurro puffo. 
Ho imparato a lasciare andare le manie di perfezionismo, i compiti a casa, la voglia di veder tutti eccellere nonostante spesso le condizioni di partenza siano diverse, se non diametralmente opposte. Ho lasciato stare i dettati e mi sono armata di vecchi CD con i quali raccontar loro di Guccini, De André, Venditti. Ho trascorso ore parlando di Peppino Impastato, di corruzione, di chi ancora lotta per un futuro migliore, della "gente che spera" (cit.).
Ho imparato a contraccambiare la loro pazienza con lo stesso sorriso con il quale cerco di calmare la loro impazienza. A volte è stato proprio quel sorriso un po' buffo a fare la differenza. Quello e la sempre apprezzata citazione tratta da Frankenstein Jr: "Si può faaaaareeeee!".
Ho imparato che ho molta più pazienza di quanto non credessi, che parlare ad un pubblico adulto e un po' scettico richiede tanto - TANTO - esercizio e che, nonostante, qualche piccolo intoppo, sono un'insegnante coi fiocchi. 

Chissà come mai, sono proprio certa che tutto quello che ho imparato mi tornerà utile e che, come da copione, lo farà in maniera del tutto inaspettata.

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…