Passa ai contenuti principali

|| Auf dem Weg || Erfurt: Cinque curiosità che (forse) non conoscevate

Erfurt è la capitale del Bundesland della Turingia.
Lavorando per l'ufficio del turismo della città, ho spesso la fortuna di poter visitare gratuitamente mostre, prendere parte a corsi di aggiornamento e gironzolare armata di macchina fotografica tra un cliente e l'altro.
Oggi, mentre aspettavo di poter entrare (gratuitamente!) nell'antica sinagoga (a cui regalerò un post a parte, non temete!) ho fatto un paio di foto e riflettuto sul fatto che, forse forse, ci sono un paio di cose che anche la guida più completa dimentica di menzionare. Ecco, insomma, cinque curiosità sulla città di Erfurt che hanno (quasi) sempre il potere di stupire i miei clienti.
1 - Erfurt è nota come Kinderfreundliche Stadt ossia come città amica dei bambini. A circa 15 minuti dal centro si trova la sede del Kinder Kanal (noto anche come KiKa), cioè il canale televisivo tutto dedicato ai bambini. Molto spesso le scuole organizzano delle vere e proprie gite durante le quali i bambini hanno anche la possibilità di veder realizzato un cartone animato disegnato da loro. Per questo motivo, poi, vi troverete di fronte a statue di animali che ricordano alcune fiabe dei fratelli Grimm, una fontana dedicata ai musicanti di Brema e altre installazioni a misura di nano.


2 - A Erfurt è stato firmato l'accordo che ha portato all'ingresso delle due Germanie nell'ONU. A ricordare quel momento storico, di fronte alla stazione principale, è possibile leggere la scritta "Willy Brandt am Fenster", ossia Willy Brandt alla finestra. Quel giorno, infatti, la folla riunitasi di fronte all'hotel ospitante l'incontro iniziò a urlare quelle parole e fu accontentata dal Presidente della Germania dell'Ovest (per la prima volta in una cittadina dell'Est) che si affacciò al balcone per offrir loro un gesto di saluto.
3 - Erfurt ospita un ponte (quasi) unico al mondo. Il Krämerbrücke, ossia il ponte dei Krämer (una corporazione di commercianti), è uno dei pochissimi ponti al mondo che non ha le sembianze di un ponte. Su entrambi i lati, infatti, sono state costruite delle case che lo fanno assomigliare ad una banalissima strada, analogamente al Ponte Vecchio di Firenze. I turisti inconsapevoli, insomma, pensano di trovarsi su una stradina lastricata dall'aria graziosa e rimangono sempre stupiti una volta attraversata la piazza principale e notate le travi a sostegno di quella che credevano essere una via commerciale.


4 - Erfurt ospita l'università più antica e quella più moderna di Germania.
L'università storica di Erufrt - o Collegius Maius - risale al 1392 e, secondo alcuni storici, è stata la prima ad esser costruita sul suolo tedesco. Fu chiusa nel 1816 per problemi economici e la struttura (restaurata in seguito ad un bombardamento datato 1945) ora appartiene alla comunità evangelica. L'attuale università di Erfurt risale alla fine degli anni '90 e si trova poco fuori dal centro cittadino, facilmente raggiungibile con il tram in una decina di minuti. Si tratta di un campus multifunzionale la cui biblioteca è nota per avere risorse multimediali di pregio e poggia sulle vecchie strutture in Plattenbau tipiche della Germania dell'Est. All'interno del campus, poi, ha sede anche una scuola di restauro unica in Europa per le tecniche utilizzate.
5 - A Erfurt Martin Luther prese i voti.
Martin Luther, padre della Riforma Luterana, assecondò il volere del padre e iniziò il proprio percorso di studi all'Università di Erfurt. Una sera, mentre tornava in città, fu sorpreso da una tempesta talmente forte da fargli asserire "Se sopravvivo, mi rifugerò nel Chiostro di Sant'Agostino dove continuerò a studiare i testi sacri". Sopravvissuto all'acquazzone, l'uomo chiederà di poter essere ammesso nell'Augustinerkloster e dopo qualche anno prenderà i voti.


Insomma: non si smette mai di imparare... e voi? Quali sono gli aspetti, forse un po' bizzarri, delle città che tanto amate?

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …