Passa ai contenuti principali

Incontri

Ieri ho guardato negli occhi un clochard. 
Si è seduto davanti a me, sulla U-bahn, dopo aver arrancato per salire ed essersi tirato dietro un carretto pieno di chissà cosa. 
Aveva una vecchia giacca da sci, sporca di vernice blu, e un golf sformato e troppo sottile per ripararlo dal freddo di queste giornate balorde. Aveva le tasche piene di fogli e a quei fogli pareva aggrapparsi. Aveva gli occhi tristi e persi in chissà che pensieri. Aveva rughe in viso che parlano di anni passati ad arrancare, tremare, cadere, strisciare e poi barcollare a ginocchioni. Aveva le mani fini, un po' nodose e per tutto il tempo ho scrutato i suoi tratti delicati per capire se si trattasse di un uomo o di una donna: era un concentrato di androgina solitudine. Per tutta la durata del viaggio non ha proferito parola, limitandosi ad osservare il vuoto innanzi a sé. 
Per le ore a seguire, persa nelle sale dei musei che tanto amo, mi sono chiesta quale fosse la sua storia, quali fossero le maledizioni che gli pesavano sulle spalle, quali le parole che parevano restargli bloccate in gola. Non ho trovato le risposte che cercavo, nemmeno tra i dipinti di Monet e di Mirò. 
Oggi, mentre aspettavo il bus per tornare a casa, ho visto gli stessi occhi, lo stesso sguardo perso e triste. Era un altro volto, però. Era un ragazzino biondo, con un sacco a pelo avvolto in una coperta IKEA e tenuto sulle spalle come un infante stretto nella sua fascia. 
Mi sono guardata intorno e ne ho visti altri. Ho visto anime perse. Rifiutate dal ben pensare comune e tirate fuori dal loro personale inferno solo per un paio d'ore, un sollievo a scadenza giusto il tempo di pubblicizzare l'ennesimo benefit. Le ho viste e ho pensato a tutte le volte in cui ci lamentiamo degli scossoni che la vita ci dà, senza pensare alla terra che, nonostante tutto, ci rimane sotto i piedi. 
Ieri ho visto un clochard, sulla U-bahn. poi l'ho perso di vista. Curioso, non trovate?, il fatto che ora non riesca a levarmelo dalla testa. Ho visto un'anima persa e triste e quella tristezza è diventata anche un po' mia. Alleggerire il peso che preme sulle sue fragili spalle, però, non è così semplice. Ho visto un clochard ieri, sulla U-bahn. Ne ho scrutato le iridi solo per un secondo e, a distanza di ore e chilometri, spero che il sole timido di oggi gli scaldi le ossa come quel golf leggero non può fare. Spero che i fogli ai quali si aggrappa gli offrano sollievo e sicurezza. Spero che il suo carrellino sia leggero come immagino essere il suo passo, su questa terra.
Ieri, sulla U-bahn, ho guardato negli occhi un clochard.

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …