Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || Status Quo (Vadis)

Approfitto della conversazione avuta qualche giorno fa con un'amica per inaugurare un post che, di base, fa da cornice all'intera Mini-Serie Expat on a budget. Tornando a casa da un concerto, mi ha chiesto se non ho anche io paura del futuro, di arrivare all'età della pensione, percepirne una da fame e non avere nulla da parte. Ha poi aggiunto, evidentemente preoccupata per il proprio avvenire, che spesso si chiede come mai non sia ancora iniziata, per lei, la vita vera. Perché, nonostante un lavoro rispettabilissimo, non si senta padrona di quella stabilità che invece ha visto manifestarsi attraverso l'esempio fornitole dai suoi genitori. 



Lo confesso: un po' ho sorriso intenerita, un po' mi sono incaponita e, alla fine, ho sospirato.

Qualche tempo fa, parlando di adulting (ossia di comportamenti adatti ad un adulto o tipici di una persona ritenuta adulta), The Financial Diet sottolineava quanto, di base, viviamo in un'epoca in cui l'età adulta ha altre "caratteristiche" rispetto alle generazioni precedenti. Un esempio? I miei genitori si sono sposati a 20 anni, lavoravano da almeno quattro e poco dopo hanno coronato il sogno del posto fisso e della casa di proprietà. Io ne ho quasi trenta, ho due coinquilini e un cane, una casa di proprietà in Italia che mi salassa due volte l'anno e poco altro. Sono fiera del mio riuscire a vivere con poco e in poco spazio e, in questa pochezza, trovo un equilibrio che non vedo in persone di quindici o venti anni più vecchie di me.
D'altra parte, il mondo del lavoro si è sviluppato in maniera tale per cui il posto fisso, pur esistendo ancora (io ho un contratto indeterminato, ad esempio), è meno popolare e la cui parola d'ordine è flessibilità. Non parlo solo della capacità di adattarsi non solo al mercato lavorativo ma ai cambiamenti costanti di una società perennemente in evoluzione, bensì della capacità di cambiare insieme alla realtà che ci circonda, adattandosi e reinventandosi più volte.
Pippone socio-economico a parte, mi sono resa conto che il suo era un problema che, in qualche modo, aveva a che fare con il cosiddetto "status quo". Pur trattandosi di un'amica che adoro, uno dei suoi più grandi limiti è proprio quello di paragonarsi perennemente agli altri. Di vedere quanto alcuni raggiungono e, automaticamente, di volerlo. Se ci pensiamo bene, è una delle caratteristiche del mondo in cui viviamo: dagli smartphone sempre nuovi alle vacanze da sogno da instagrammare passando per i vestiti freschi di vetrina che, in capo a un paio di mesi, non verranno più usati. Volendo usare un paragone nemmeno troppo azzardato, cerchiamo gli altri ogni volta che ci guardiamo allo specchio, con la speranza di risultare più di successo, più belli, più ricchi, più conformati.
Parlare di minimalismo, budgeting, vita frugale è percepito, spesso, come una moda oppure come un modo per sbarcare il lunario stringendo la cinghia in maniera disperata. Non si tratta di questo. Si tratta di una piccola-grande rivoluzione, di un calcio al sistema, di una sfida nei confronti di se stessi, di un modo per mettersi alla prova e ricalibrare le proprie priorità. Significa godere a pieno di ciò che ci circonda ed essere coscienti e grati di quanto abbiamo. L'importante non è il fatto sia molto o poco: a contare davvero è il fatto ci renda felice. Felice da far schifo.

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …