Passa ai contenuti principali

||Auf dem Weg || Andavo ai cento all'ora #viaggi90

Questo post nasce grazie ad un'iniziativa del gruppo Facebook Travel Blogger Italiane. In seguito ad un bellissimo post di The Dax Box (che potete leggere QUI), infatti, abbiamo pensato di scrivere una serie di post con il medesimo tema: i viaggi che hanno caratterizzato i "nostri" anni '90. Pubblicati con l'hashtag #viaggi90 potrete leggere, tra gli altri, i post di Pasta Pizza Scones, Una valigia di emozioni oppure Girovagando con Stefania.


Premetto una cosa: io sono nata alla fine degli anni '80 ergo negli anni successivi ho viaggiato praticamente solo con la mia famiglia, con la scuola o con la parrocchia (eh lo so...che volete farci?). Ciononostante, di questi viaggi ricordo dettagli di ogni sorta e, spesso, mi chiedo se le lunghe trasferte con l'autoradio che mangiava puntualmente la cassetta di Jovanotti non mi manchino almeno un poco.
Partivamo all'alba, d'estate, diretti al mare: eravamo i primi ad arrivare e, spesso, ci toccava aspettare fuori dal lido perché l'assenza di qualsivoglia traffico ci aveva fatti arrivare alle otto di mattina. Sveglia da nemmeno mezz'ora, mi rannicchiavo nel retro della macchina, rigorosamente FIAT, di mio papà e cercavo di recuperare ancora qualche minuto di sonno, chiedendomi perché diamine facesse così freddo a luglio. L'agghiacciante dresscode prevedeva solamente il costume ed un copricostume-vestito, oltre a quegli odiosi sandaletti in plastica che, ancora oggi, tormentano i miei incubi peggiori. Una volta sistemati sotto un ombrellone ancora chiuso, con la spiaggia quasi tutta per noi, iniziavano le corse in acqua intervallate solo da impacchi di crema solare spessi un dito e pause per leggere Paperino, in attesa di poter rientrare in acqua. Viaggiare, all'epoca, significava anche caricare la macchina oltre misura per partire in direzione Frejus, con il cane seduto di fianco a me che, ad ogni camion, iniziava ad abbaiare come un disperato. Partivamo con due borsoni di vestiti e tre borse di cibo, "che non si sa mai". Avevamo una cartina grossa quanto un tavolo da dodici e, chissà come mai, arrivavamo senza perderci per strada. Ad ogni casello dicevamo "Buongiorno" e "Arrivederci" al casellante, non alla voce registrata della cassa automatica. Spesso, peraltro, avevamo aspettato 20 minuti in coda perché il Telepass lo usavano solo i manager. Sotto il sole, con i finestrini spesso chiusi per via del fumo prodotto dai tubi di scappamento, attendevamo fosse il nostro turno e, chissà come mai, non ci lamentavamo. Viaggiavamo con una macchina fotografica, un rullino di scorta, una lista infinita di indirizzi per le cartoline ed una altrettanto lunga per i souvenir per questo o quel parente che, poverino, "alla sua età non può più muoversi di casa". A seguito di quei viaggi, ho collezionato bottigliette di vetro piene di sabbia colorata, boule à neige dei posti più disparati (e spesso ironicamente assolati), conchiglie o statuine ricoperte di glitter che cambiavano colore a seconda della temperatura. Queste ultime, poi, erano quelle che facevano di noi bambini i membri cool del campeggio estivo. Roba che adesso, probabilmente, ci verrebbero tirate dietro. Erano viaggi semplici, quelli degli anni '90. Spesso occorreva fare piccoli sacrifici e risparmiare un poco per volta, mettendo le monetine del resto in una bottiglia di plastica con su scritto "Loano 1996". Erano viaggi fortemente voluti, desiderati a lungo e pieni di piccole e grandi scoperte, dove ogni metro percorso era pieno di misteri e ricordi. Erano viaggi il cui spirito, a volte, un poco mi manca: erano, infatti, viaggi innanzitutto del cuore ed è proprio nel cuore che ne conservo i ricordi più speciali.

Commenti

  1. Quando siamo bambini tutto sembra più bello :) Spesso da grandi ricerchiamo troppe cose e non riusciamo ad apprezzare quelle semplici.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse è anche il fatto che una volta viaggiare costava, spesso, molto più di quanto non costi ora. Ergo lo "assaporavamo" in maniera diversa.. :O

      Elimina
  2. Mi hai fatto tornare in mente la mia orrenda statuina di un orso glitter che cambiava colore a seconda del tempo! E poi Paperino/Topolino era un must! Ti ricordi che d’estate uscivano anche le raccolte?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io avevo un delfino che si ergeva da una conchiglia... roba che a pulire 'sti dannati glitter poi ci andava una settimana... XD
      Paperino, Topolino e persino "I classici"...e chi se li scorda? <3

      Elimina
  3. Cosa mi hai fatto tornare in mente! Le statuine con i glitter �� Le avevo decisamente (o almeno così credevo) cancellate dalla memoria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In compenso, con ogni probabilità, i glitter sono ancora incollati da qualche parte... ;)
      Grazie di esser passata di qui!

      Elimina
  4. Bello, molto nostalgico e anche simpatico. Le vacanze con la parrocchia sono il top 😅

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le vacanza, i ritiri, i campeggi, persino le gite... non ci siamo fatti mancare proprio nulla! :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…