Passa ai contenuti principali

Expedition Happiness (2017)

Expedition Happiness è un film-documentario del 2017, prodotto dallo stesso autore di Pedal the world. Una volta sistematosi a Berlino con la fidanzata ed un adorabile cagnolone, il giovane Felix pare trovarsi nuovamente "incastrato" in una routine e/o un modello di vita incapaci di stimolarlo o di renderlo felice. Per questo, i due decidono di acquistare uno scuolabus in America e mettersi in viaggio: dagli Stati Unti, passando per il Canada sino all'Alaska e poi, dirigendosi a Sud, sino in Messico. Tutto questo, ovviamente, in compagnia del loro adorabile animale da compagnia.




Non si tratta di un film á la "molla tutto e parti", né di un elogio al nomadismo. Ciò che spinge questa giovane coppia tedesca a partire è la necessità di trovare qualcosa che li renda veramente felici. Insomma: questo, oltre all'estrema trasparenza che permea le riprese e le impressioni dei protagonisti, me lo ha fatto apprezzare tantissimo. Non ci sono solo, infatti, le riprese dei magnifici luoghi che hanno visto o delle albe in Alaska, quanto anche i resoconti delle magagne burocratiche, le disavventure veterinarie e la rabbia pura e semplice di fronte a impiegati dell'ambasciata spesso un po' incompetenti. 
Come ben sappiamo, di film di viaggio ne esistono a bizzeffe, alcuni dei quali persino un po' discutibili. Credo che la differenza, in questo caso, la faccia l'onestà con la quale la risposta alla domanda "Cosa ci rende felici?" viene cercata e, quando questa non corrisponde più con la scoperta di angoli di mondo, ricercata altrove: ironia della sorte, a casa. Expedition happiness è un viaggio che ha un inizio e una fine, la cui risposta potrebbe stupire qualcuno e far sbuffare qualche altro spettatore ma che, alla fine, rimane il responso più onesto alla domanda più antica e complessa di tutte: cosa ci rende davvero felici? Forse il viaggio, forse lo stare fermi, forse la famiglia o gli amici, forse la solitudine. In ogni caso, come dimostra questo documentario, porsi la domanda e cercare la nostra risposta può regalare sorprese e riflessioni inaspettate. Buona visione!

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …