Passa ai contenuti principali

|| Expat Life || Oh Joy, Sex Toy


Ieri, mentre passavo davanti al mio drug store tedesco di fiducia, non ho potuto fare a meno di notare una cosa che mi ha quasi fatta ringalluzzire. Complice anche San Valentino che, da bravo fetente, incombe su di noi, all'ingresso è stato collocato uno scaffale con dei vibratori, qualche confezione di lubrificante e dei profilattici. 
Perché sono ringalluzzita? Perché trovo in qualche modo "moderno" (pure se odio questo termine, a volte) collocare oggetti che, inutile stare a prenderci in giro, fanno parte del nostro ménage in un negozio così banalmente quotidiano e, a modo suo, familiare. Familiarissimo, credetemi: alle 16:00 è pieno di madri con bambini usciti dall'asilo e/o figli adolescenti.
Ricordo bene che, quando avevo 15-16 anni, l'unico modo per reperire qualcosa del genere sarebbe stato affidarsi al sex shop del caso, spesso distante una mezz'ora in macchina, e chiuso ai minorenni. Per comprare un pacchetto di preservativi, poi, toccava la via crucis (o walk of shame, fate voi) sino in farmacia dove il banconista se la ghignava, nemmeno fosse stato lo Stregatto di Alice in Wonderland, pregustandosi già lo sguardo sconvolto della moglie, alla quale lo avrebbe raccontato poco dopo. Se poi, come me, si viveva in un paesino di mille anime e poco più, l'opzione farmacia del paese non era contemplabile e spesso toccava aspettare di prendere il pullman per andare a scuola e, prima delle otto, correre in farmacia e sperare di averli infilati sufficientemente in basso da non farli saltar fuori nel momento meno opportuno. Avendo lavorato nella grande distribuzione per qualche anno (sei, ad esser precisi), conosco bene anche gli sguardi delle cassiere di fronte a una confezione di Durex. Ne ricordo i commenti e il loro ridacchiare quando, puntualmente, l'etichetta di questi ultimi fa scattare la barriera casse. Ricordo i loro "Buona serata" oppure "Buon divertimento" e il sospiro mi viene spontaneo. Perché penso ai ragazzini che evitano l'acquisto per vergogna, a quelli (o quelle) che non ne parlano per pudore e ai tanti che evitano il tema, rimanendo disinformati o male informati. Il che, forse, è pure peggio.

Sono ringalluzzita perché mi ha fatto piacere vedere la normalità con la quale un argomento che tanti considerano tabù è stato trattato, l'approccio diretto ma a suo modo discreto e l'ottica secondo la quale tutti, prima o poi, hanno almeno un paio di orgasmi e spoiler alert non c'è nulla di male. O di vergognoso. O di ridicolo. O di peccaminoso. O che so io. Insomma, in una società che si fregia di un modernismo che spesso è solo una facciata, finalmente, un gesto quantomeno contemporaneo.

Insomma, che sia San Valentino o meno, godetevi la giornata. Pun intended.

[Il titolo si rifà a una serie di fumetti americani che esplorano il tema della "sex positivity", cioè di un atteggiamento positivo e di accettazione nei confronti del sesso, in tutte le sue forme.]

Commenti

  1. Bellissimo e pieno di spunti !!! Grazie per averlo solo pensato, oltre che scritto ovviamente. Appena vengo a trovarti, sappi che ci voglio entrare in quel negozio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovvio! Facciamo la via crucis dei drug store ;)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …