Passa ai contenuti principali

Getting our time back


Oggi, da esattamente una settimana, siamo senza connessione Internet.

A causa di un guasto sulla linea, insomma, le mie interazioni social sono ridotte all'osso e alle capacità del mio telefono e - lasciatemelo dire - si sta una pacchia.

Se da un lato non sono ancora riuscita a vedere lo speciale di Sense8 su Netflix, dall'altro ho letto un sacco, creato del tempo per me stessa e mi sono persino messa a cucinare, armata di non uno bensì quattro libroni di ricette vegane. Quello che ho imparato, insomma, è a riappropriarmi del mio tempo, soffermandomi a osservare la neve che scende oppure godendomi un bagno con tutti i crismi - e i sali - nel completo silenzio dell'appartamento vuoto.

Oggi mi è capitato di leggere un pensiero dei due autori di The minimalist che manco a farlo apposta calza proprio a pennello.

One of the main reasons we decided to take this journey was to reclaim our time:⠀
More free time.
More time to focus on what’s important.⠀
More time for other people.⠀More time for ourselves.⠀
More time to build new relationships.⠀
More time for gratitude.⠀
More time to be healthy.⠀
More time to create.⠀
We wanted our lives back, and to do so we had to get our time back.⠀
Time is the only thing we all share in common: we all have the same 24 hours in a day. Let’s use them wisely.
(Una delle ragioni principali per cui abbiamo deciso di intraprendere questo viaggio era la rivendicazione del nostro tempo:
Più tempo libero.
Più tempo per concentrarci su quello che conta.
Più tempo per gli altri.
Più tempo per noi stessi.
Più tempo per costruire nuove relazioni.
Più tempo per la gratitudine.
Più tempo per essere in buona salute.
Pi
ù tempo per creare.

Volevamo indietro la nostra vita e per farlo dovevamo riprenderci il nostro tempo.
Il tempo è l'unica cosa che abbiamo tutti in comune: abbiamo tutti le stesse 24 ore al giorno. Usiamole saggiamente)

Pur in una situazione a tratti semplicemente scomoda - soprattutto vivendo in un altro stato, con impegni su Skype da onorare e programmi che andrebbero ad ogni modo rispettati - c'è la possibilità di far - come si suol dire - di necessità virtù e di apprezzare tutto ciò che abbiamo attorno. Dalla neve che scende a quel vecchio CD quasi vintage che non ricordavamo fosse così bello, con buona pace di Spotify, Netflix e Facebook. (Pure se i primi due un po' mi mancano)

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…