Passa ai contenuti principali

29 cose che ho imparato in 29 anni


In occasione del mio compleanno (domani), celebrando il fatto che non siano ancora trenta ma quasi, ho deciso di lasciarvi con ventinove cose che ho imparato in questi primi 29 anni. Cose serie e scemenze, consigli preziosi ma anche no. In ogni caso, fatene buon uso.... e separate i capi chiari da quelli scuri, mi raccomando!
  1. Lavarsi i capelli tutti i giorni ti porterà alla calvizie, prima o poi. Datti una calmata.
  2. Il caffè fatto a casa ha lo stesso gusto di quello preso di corsa in stazione. Anzi: molto spesso è più buono e – indovina? - costa meno e non ti costringe a quel tremendo bicchierone di cartone, che di ecologico non ha proprio nulla. 
  3. Separa i capi neri da quelli chiari: potrebbe far la differenza tra una maglietta bianca e una grigio/azzurra con macchie improbabili.
  4. Il compromesso è un'arte: fanne buon uso.
  5. Non basta lavare i piatti. Bisogna anche asciugarli. L'alternativa è una torre infinita di piatti e piattini che finirà per crollare a terra, in un mare di cocci.
  6. Programmare la macchina del caffè potrebbe salvare numerose vite: la tua e quella dei colleghi che ti stanno intorno.
  7. Ricordati che meditare, spesso, fa la differenza tra un pomeriggio di piacevole silenzio e uno in preda alla gastrite. Non sottovalutare il potere della mente. Per tutto il resto c'è la Citrosodina. E l'Iberogast.
  8. Lascia le scarpe col tacco in vetrina: tanto non le metterai mai.
  9. Non c'è nulla di male a passare un pomeriggio a letto, con un film o un libro. O qualcuno, beninteso.
  10. Non c'è bisogno di ammazzarsi di sport. Limitati a godere delle passeggiate, cercare di muoversi a piedi e rilassati, dannazione! 
  11. Lascia le mille creme e cremine sugli scaffali della profumeria: una crema giorno e una notte sono più che sufficienti. E sei troppo pigra per il resto.
  12. L'olio di cocco è un piccolo miracolo in barattolo. Apprezzalo.
  13. Ricordati che hai sempre almeno un paio di motivi per essere grata.
  14. Non servono cinquemila detergenti per la casa: a volte un po' di aceto e/o un poco di bicarbonato sono più che sufficienti. Anche perché i tuoi coinquilini sono famosi per usare il CIF per lavare i pavimenti, ergo...
  15. Non dimenticarti di aggiornare il tuo piano di risparmio ogni due o tre mesi. Potrebbe far la differenza tra le vacanze in Portogallo e le pive nel sacco.
  16. Scrivi una lista della spesa e NON dimenticarla a casa. Il portafoglio ti ringrazierà.
  17. Sii paziente. Spesso la risposta alle tue domande è dietro l'angolo, basta aspettare.
  18. Lascia andare: molte volte, rimanere aggrappati a questa sensazione o quella persona è più doloroso che lasciarle andare.
  19. Non sei sol*: ci sono persone, attorno a te, pronte ad ascoltarti e disposte a darti un parere, se non un consiglio. 
    19b. Impara a chiedere aiuto. Spesso, il primo passo è proprio questo.

  20. Concediti del tempo per te stessa e, se necessario, pianificalo.
  21. Goditi il momento. Smettila di pensare ai “se” e “ma” del futuro, chiudi gli occhi e impara a godere del presente.
  22. Prendi in mano una penna e ricomincia a scrivere: ti chiederai perché, anni fa, avessi smesso.
  23. Spesso perdersi per le strade di una città sconosciuta potrebbe essere l'inizio di una meravigliosa avventura. Per tutte le altre volte c'è Googlemaps: fanne buon uso.
  24. Sei bellissima perché sei autentica, non perché segui i canoni di bellezza di questa o quella cultura. Riconosci l'unicità del tuo essere meravigliosa.
  25. Sorridi: troverai almeno sempre un paio di motivi per farlo e, se così non fosse, fallo ugualmente. 
  26. Datti da fare, ma non oberarti di fatiche innecessarie. Impara a trovare la giusta via di mezzo che ti permetterà di avere del tempo per te stessa e, al contempo, ti permetterà di arricchire il tuo bagaglio personale.
  27. Non avere paura di sbagliare. Come direbbe qualcuno “nessuno è nato imparato” e chi non sbaglia mai, nella maggior parte dei casi, non ci ha mai nemmeno provato sul serio.
  28. Impara ad accettare i complimenti che ti vengono fatti: te li meriti.
  29. Sii te stessa. Sii rumorosa, deliziosamente irriverente, politicamente (s)corretta, un po' selvaggia e incredibilmente nomade. Sii perennemente alla ricerca di quel certo non so che. Non stancarti mai di fare domande, anche quelle scomode.

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …