Passa ai contenuti principali

|| How to || Self-care d'inverno

Credetemi, non me lo sono inventato: l'arrivo dell'inverno corrisponde per la maggior parte delle persone a momenti di malumore, stanchezza perenne e atmosfere malinconiche. Ne parlavo con la mia terapeuta qualche tempo fa: ci sono periodi dell'anno in cui statisticamente si verificano episodi depressivi e pseudodepressivi nella maggior parte degli individui. La differenza, come sempre, sta nel sapere cosa fare per ridurre tutto ciò al minimo e fare il pieno di buonumore. Immaginate, peraltro, di vivere in paesi tendenzialmente più freddi e dovervi confrontare con questo nuvolone nero per qualche settimana in più all'anno... occorre trovare un rimedio quanto prima, onde evitare un inverno decisamente grigio.

Ecco, quindi, alcune cose da fare quando la metereopatia inizia ad avere un peso sul vostro buonumore. 

  • Musica: ci sono intere "playlist del buonumore" disponibili su Spotify. Allo stesso modo, ci sono canzoni in grado di metterci di buonumore all'istante. Io, ad esempio, terrorizzo il vicinato con qualche evergreen degli ABBA di tanto in tanto e - credetemi - funziona. 
  • Cioccolato: non parlo di schifezze varie - Kinder, Milka, Mars, Snickers e compagnia - ma di qualche quadretto di cioccolato di buona qualità. Con l'avvento dei negozi eco-solidali, di quelli biologici e di tutta una serie di prodotti più consapevoli avrete solo l'imbarazzo della scelta! ATTENZIONE! QUA potete leggere perché parlo di "acquisti consapevoli".
  • Luce: accendete le luci e - se è il caso! - armatevi di candele, ghirlande di Natale e/o led. Una volta rischiarato l'ambiente vi sentirete subito meglio. (Inciso: da me in cucina c'è una vecchia lampadina a risparmio energetico che impiega un paio di minuti ad illuminare a dovere la stanza. Quando lo fa, si respira proprio un'altra aria..!)
  • The: o una bevanda calda! Una cioccolata, un infuso, del the... avere una tazza calda tra le mani trasmette non solo tranquillità ma in qualche modo familiarità, oltre alla sensazione di coccola che l'odore porta con sé.
  • Calore: non c'è nulla da fare: al caldo si sta meglio e i pensieri positivi la fanno da padrone. Ergo ricordatevi di accendere i termosifoni (senza esagerare!), oppure immergetevi nella vasca da bagno oppure ancora (soprattutto se vi trovate in un paese del Nord) godetevi un paio d'ore in sauna. Vedrete che poi affronterete la giornata in maniera diversa.
  • Movimento: soprattutto se non piove, cercate di muovervi almeno un pochettino. Fosse solo andando a fare la spesa in quel supermercato non proprio dietro l'angolo. Oppure approfittate di un paio d'ore e girovagate per il parco, ascoltate un po' di musica e coronate il tutto con una bevanda calda al vostro ritorno a casa. Muovendovi produrrete quelli che qualcuno chiama - se non erro - ormoni del buonumore, oltre a combattere quell'odiosa tendenza a gonfiare almeno un pochettino durante il periodo invernale. (Sì, lo so, è fisiologico e blahblahblah. Cionondimeno, tenere questo aspetto sotto controllo non sarebbe male.)
  • Cura della persona: anche in questo caso, pare si tratti un po' della scoperta dell'acqua calda. In ogni caso, prenderci cura di noi stess* (depilazione/ceretta per le donne, barba per gli uomini, maschere per il viso e/o i capelli, capelli e unghie curate... insomma, ci siamo capiti) ci fa stare meglio, ci fa apprezzare la nostra fisicità in maniera quasi esilarante. Il bello, tra l'altro, è che non occorre necessariamente spendere capitali: perché non organizzare un giorno à la Spa-DIY con amic* e/o famiglia? 
E voi? Come affrontate la malinconia invernale? Qualche suggerimento? :D

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …