Passa ai contenuti principali

This must be the place (2011)

Fonte: IMDB
This must be the place è un film del 2011 diretto e co-scritto da Paolo Sorrentino.
Il protagonista - interpretato da un bravissimo Sean Penn - è Cheyenne, celebre ma quasi dimenticata rockstar degli anni Ottanta. L'uomo passa le proprie giornate in compagnia della moglie Jane o di Mary, una giovane amica, troppo ansioso e depresso per considerare un eventuale ritorno alla musica.
La malattia terminale del padre, con il quale aveva interrotto ogni contatto da anni, lo costringe a intraprendere un viaggio in nave sino in America ma, a causa della durata di questo ultimo, non riuscirà a dirgli addio. Cheyenne scopre che il genitore si era messo alla ricerca del nazista che lo aveva costretto a numerose umiliazioni durante i suoi anni di prigionia in un Konzentrationslager e decide di seguire le orme del padre e concluderne la ricerca.
La rockstar intraprenderà un viaggio di scoperta, non solo per onorare l'ultimo desiderio del padre quanto per riscoprirne la memoria. Durante questo viaggio incontrerà varie persone disposte - ognuna a modo proprio - ad aiutarlo o a indicargli una via. Alla fine di questo viaggio, della rockstar depressa e dimenticata dai più non resterà che un pallido ricordo.
Ricordo ancora quando riuscii a vedere il film per la prima volta, la sera del mio ritorno da Berlino, avvolta in un cappotto di panno bianco con indosso un paio di stivali un po' (troppo) scomodi e uno scamiciato a quadri. Ricordo la potenza delle immagini proiettate sul grande schermo, ricordo la malinconia un po' maudite della figura di Cheyenne e il sorriso commosso alla fine della pellicola.
This must be the place offre numerosi spunti di riflessioni su temi quali ad esempio la ricerca di una memoria personale all'interno di una tragedia collettiva. Inoltre rappresenta figure alle prese con episodi depressivi senza per questo stereotiparli o ridurli a macchiette. La colonna sonora varia da Iggy Pop, ai Gloria ai Talking Heads e il risultato finale è un miscellanea di suoni, colori ed emozioni che - fidatevi - vi lascerà col sorriso sulle labbra. Buona visione!

Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …