Passa ai contenuti principali

|| How to || Capsule Wardrobe


Come ormai ho già ripetuto un sacco di volte, espatriare mi ha permesso di rivoluzionare la mia vita a 360 gradi. Spiritualmente, a livello di consapevolezza (anche economica), dal punto di vista dei consumi. 
In questo panorama di evoluzione personale, sono venuta in contatto con il concetto di capsule wardrobe e - dopo alcune ricerche - ne ho adottato alcuni dei principi al mio quotidiano.
Cos'è un capsule wardrobe? Il termine fu coniato da Susie Faux, la proprietaria della boutique londonese "Wardrobe" negli anni 70. Serve a indicare un assortimento di capi d'abbigliamento che non sono legati a mode del momento (o a tendenze passate) e che permettono tutta una serie di abbinamenti, essendo i singoli pezzi compatibili per quanto riguarda stile e palette dei colori. Attualmente, con capsule wardrobe si intende un guardaroba composto da un numero ridotto di capi d'abbigliamento (in genere 37, anche se molti hanno esteso le proprie collezioni e creato quello che alcuni chiamano fluide capsule wardrobe) che permette di creare varie combinazioni nonostante il numero dei pezzi. 
Perché applicare questo sistema al proprio guardaroba? Per alcune persone lo scopo è quello di apparire ricercato nonostante mezzi ridotti (questo ne spiegherebbe la grande diffusione sin dagli anni '70) mentre per altri è tutta una questione di downshifting. 
Per me era un po' una combinazione di vari fattori. Avendo la possibilità di partire nuovamente da zero, mi sono interrogata sul mio stile in fatto di abiti e accostamenti e ho scelto di liberarmi di tutte quelle cose che non mi convincevano o non mi facevano sentire a mio agio. Così facendo, ho conservato solo capi d'abbigliamento che amavo sul serio e ne ho acquistati e/o sostituiti alcuni per completare la mia piccola collezione quattro-stagioni.
Come creare un capsule wardrobe?
Innanzitutto tirate TUTTO fuori dal vostro armadio e esaminate ogni singolo pezzo. Vi piace? Bene, mettetelo a parte. Non vi piace? Benissimo: regalatelo oppure, se inutilizzabile, buttatelo.
I capi che avrete scelto di tenere dovrebbero idealmente appartenere a una palette di colori compatibili fra loro o - quantomeno - essere adatti a più occasioni. Un esempio? Denim, pantaloni (o gonne) neri o blu, magliette in cotone. Una volta capito cosa avete a disposizione e come sfruttarlo, potrete eventualmente valutare se vi occorre ancora qualcosa oppure se potete finalmente fuggire al malsano shopping del sabato pomeriggio perché - sorpresa! - non vi occorre nulla. 

Come al solito, non si tratta di un concetto da applicare alla lettera ma nel limite di quello che ci fa stare bene/ci fa sentire a nostro agio. In ogni caso perché non provare? Potreste scoprire che la vostra vena creativa non ha bisogno di quintali di magliette comprate in saldo e/o di pessima qualità per assemblare look degni di nota. ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …