Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || -|| How to || Bellezze in bicicletta



Secondo L'Internazionale, il 2017 è l'anno del 200esimo compleanno della bicicletta. Incredibile, se si pensa che l'invenzione della ruota risale decisamente a un'altra epoca.
Nemmeno a dirlo, qua in Germania muoversi in bicicletta per andare al lavoro è assolutamente normale, anche se spesso significa caricarsela in spalla per fare un tragitto in treno o - nella peggiore delle ipotesi - dover affrontare calamità naturali di vario genere.
Un po' per ridere un po' per motivare me stessa a muovermi di più ho deciso di raccogliere cinque informazioni che è meglio tenere a mente, decideste di muovervi in bicicletta da queste parti.

  • Ricordatevi il lucchetto. Se da un lato è vero che il numero di persone che si muove in bicicletta è elevato, dall'altro è innegabile il fatto tante siano quelle rubate, nonostante le misure di sicurezza prese per prevenire tale evenienza. Insomma, investite in un buon lucchetto e fate attenzione a dove lasciate il vostro amato mezzo di trasporto.
  • Fate attenzione a dove pedalate. In linea di principio ci sono carreggiate (striminzite) fatte apposta per voi ma spesso vi troverete a dover condividere il marciapiede con i pedoni e a vedere altri ciclisti contromano. Fate attenzione e controllate i segnali stradali. Spesso non lo notiamo ma ci sono segnali stradali messi a bella posta ad indicare dove dovreste scendere e spingere e la mancata osservanza di queste regole (se notata da un ufficiale qualsiasi) vi costa una multa. Irrisoria, ma tant'è.
  • Ricordatevi che le luci sono obbligatorie. Non importa se la strada sia illuminata con lampioni e quanto altro. Le luci dopo una certa ora sono obbligatorie, onde incorrere in sanzioni varie ed eventuali. Ne esistono di ricaricabili, di rimovibili e parimenti potete trovare graziosi cappellini con una lucina sulla fronte. (La mia coinquilina ne indossa uno con grande orgoglio..) Insomma, ciclista avvisato...
  • Il casco è obbligatorio su alcuni tragitti. Se decidete di partire per un tour in bicicletta, controllate non vi sia l'obbligo di portare il casco su parte del percorso che desiderate intraprendere. Ho chiesto di recente ad un'amica - una ciclista incallita, nemmeno a dirlo - e mi ha confermato che la mancata osservanza di queste regole viene multata.
  • Portate con voi un piccolo kit per le emergenze. Costano pochi euro e vi permettono di tornare a casa su due ruote e non con la bicicletta in spalla. Un esempio? Io ho fissato il cambio durante una pausa al lavoro, l'anno scorso, perché era sceso troppo in basso e rendeva la pedalata impossibile. A mani nude non ce l'avrei fatta. Oltre a bulloni e chiavi, potrete trovare cerotti di gomma per le camere d'aria bucate, tubetti di silicone e - volendo - cerotti e salviette anche per voi.
Quale che sia il tragitto che intendete percorrere, fate attenzione e divertitevi. Se da un lato i ciclisti sono spesso un po' pericolosi e (tanto) spericolati, dall'altra i pedoni sanno essere altrettanto letali. ;-)
Buon viaggio!



Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…