Passa ai contenuti principali

|| Expat Life || Bundestagwahl: Le elezioni in Germania

Fonte: Barbara.  Se ne fa uso senza scopo di lucro.
[SESSO. Ora che ho la tua attenzione: il 24 settembre ci sono le elezioni del Bundestag. Per favore vai a votare: è come lavarsi i denti. Se non lo si fa, di diventa marroni. Barbara.]


Il 24 settembre si terranno le elezioni per il Bundestag (in tedesco Bundestagwahl) e il clima da queste parti è a dir poco teso. Ad ogni angolo - letteralmente - ci sono i gazebo di questo o quel partito popolati da giovani e meno giovani pronti al dialogo con gli elettori dubbiosi, di destra, di sinistra, chi più ne ha più ne metta. Spesso le discussioni degenerano anche un poco e il tranquillo signore di mezz'età inizia a urlare come nemmeno un hooligan. Insomma, scene di ordinaria politica.
Se da un lato alcune persone si affidano a siti internet che - in base alle risposte ad un sondaggio - indica quale partito rispecchia le proprie idee sulle politiche sociali ed economiche (lo so: no comment...ma tant'è), dall'altro la risonanza mediatica la fa da padrone. Cartelli, cartelloni e volantini ad ogni angolo, servizi in radio con questo o quell'esponente politico, strumentalizzazione di eventi pregressi.. insomma, la parola Bundestagwahl è sulla bocca di tutti.


Ma la domanda di tanti (non di tutti, ma sicuramente di tanti. Compresi gli amici e/o parenti in Italia) è la seguente: come vivono gli Expat questo momento politico? 
Dopo aver chiacchierato con questo o quell'amico ho notato che il panorama è quantomeno variegato. Da un lato ci sono frotte di so-tutto-io che conoscono già risultati, percentuali e affluenza alle urne; poi ci sono gli indifferenti che danzano al ritmo di "questa non è casa mia. Io sono un ospite"; infine ci sono gli interessati. Questi ultimi leggono qualche articolo, ascoltano il radiogiornale e sbuffano ogni volta che sentono parlare di persone che non intendono esercitare il proprio diritto di voto. Insomma, abbiamo lottato per decenni prima di vederci riconosciuto tale diritto e ora decidiamo di non volercene fare più nulla? Dov'è andata a finire la resilienza dell'essere umano? Mah. Inoltre, se considerate che alcuni di loro vivono all'estero da anni e non hanno diritto ad esercitare la propria opinione politica nel Paese in cui risiedono beh... tirate voi le somme. 
La tensione è alta, i mormorii molti e tutti aspettano di arrivare a domenica, incuranti del fatto la vera sfida inizi il lunedì. Cosa farò io domenica? Brunch, giornale, caffè con un'amica dopo che questa ultima è andata a votare. Nonostante alcuni risultati decisamente poco rincuoranti (*cough* AfD *cough*), non vedo altro modo per trascorrere quella che sarà una giornata decisiva per il Paese che - per il momento - chiamo casa: informarmi, essere attiva nel limite del possibile e attorniarmi di persone alle quali tengo. Quali che siano i risvolti poco piacevoli delle elezioni di domenica, un gruppo di persone con le quali affrontarle spesso e volentieri fa la differenza. 

Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …