Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || In the end


It doesn't even matter


Fine è una parola dallo strano potere.
Sono solo quattro lettere ma - a ben pensarci - hanno decisamente più effetto di lunghi paroloni come "comprensibilmente" o - concedetemelo, suvvia! - "supercalifragilistichespiralidoso".
Sto scrivendo quelle che dovrebbero essere - incrociamo le dita - le ultime battute della mia tesi di dottorato, prima di mandare la bozza in correttura e - da lì - aspettare i responsi del caso. Guardandomi indietro, mai avrei pensato che un giorno sarei (quasi) arrivata a mettere la parola fine da un lavoro del genere.

Mi ricordo quando ero piccolina e dovevo scrivere i temi per la scuola. Alla fine, volendo imitare un pochettino i cartoni animati che guardavo la sera prima di andare a dormire (unico momento in cui, se ero fortunata, riuscivo a passare del tempo con mia madre), scrivevo sempre la parola fine. La scrivevo in grosso, ne coloravo le lettere e sorridevo felice di aver portato a termine i miei compiti.
Con il passare del tempo, la parola fine ha assunto sfumature diverse.

Ci sono stati momenti in cui questa fine ha assunto le dimensioni di una chimera distante, di un frammento di tempo difficile da catturare, di un sogno al quale anelare. Erano gli anni del liceo, anni fatti di insicurezza, bullismo (su piccola e grande scala), incomprensioni, difficoltà a volermi bene.
In altrettante occasioni la parola fine mi ha fatto paura. Incerta su cosa ci sarebbe stato dopo, incerta sulle possibilità che questa vita ci offre, incerta se andare avanti sulla strada battuta o se cambiare rotta. É stato il momento post-maturità, l'anno di pausa - forzata - prima dell'inizio dell'università, i giorni successivi alla discussione della tesi di laurea magistrale. Non sapevo cosa fare di me stessa, cosa fare del mio futuro, non ricordavo di avere sogni nel cassetto.

Crescendo, mi è sempre stato detto che i sogni non sono importanti, che i miei non erano realizzabili, che avrei dovuto smetterla di pensarci e darmi da fare perché nella vita vera lavori, lavori, lavori... Perché a farcela sono in pochissimi e questi pochi hanno mezzi che la maggior parte delle persone "normali" può solo sognare. Ciononostante, ho sempre lavorato sodo ma - e me ne rendo conto solo a distanza di anni - non l'ho mai fatto per me.
Poche settimane fa, in Spagna, la mia compagna di viaggio mi ha chiesto cosa vedo nel mio futuro e dopo averle dato una risposta ho subito concluso "ma so che non è possibile, ergo...".

Ripensandoci, mi sono arrabbiata con me stessa. Me la sono presa perché ho visto la fine prematura di un percorso che non avevo nemmeno ancora iniziato. Ho sospirato del mio essere critica con me stessa a dispetto di una marea di aspirazioni e di capacità che so di avere. 
Perché ogni fine è anche un inizio e io non vedo l'ora di iniziare questo nuovo capitolo. Perché non siamo mai finiti sinché non ci diamo per vinti. Perché voglio finire con stile ed iniziare con un botto, magari accompagnato da glitter e palloncini ad accompagnare il tutto. Che ne dite?

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…