Passa ai contenuti principali

|| Pieces of me|| Dankbarkeit


(Dankbarkeit significa gratitudine, capacità di essere grati.)



Ho iniziato un diario della gratitudine - in inglese gratitude journal -. Detta così sembra l'ennesima trovata new age (che poi: esiste ancora il new age?! E che cos'è l'old age?) ma ne avevo sentito talmente tanto parlare che ho deciso di provare a vedere cosa ne sarebbe uscito. 
Ma facciamo un passo indietro...
Tendenzialmente sono una persona positiva, cerco di sorridere delle mille avventure e qualche volta sventure che mi accadono ma non mi ero mai soffermata a riflettere sul fatto il mio essere positiva spesso fosse una forzatura di défault. Mi spiego meglio: da piccola - per fare un esempio - mi si diceva sempre "ringrazia di aver qualcosa da mangiare, invece di lamentarti e dire che non ti piace", "pensa a chi non ce l'ha" oppure "ci sono bambini che farebbero i salti di gioia al tuo posto". Questo, in un modo o nell'altro mi ha portata a pensare di essere fortunata e di dover esser grata senza conoscere veramente il senso di quello in cui credevo così ciecamente. Insomma, ero piccola e fortunata...ma fortunata perché? 
Ci ho messo anni - tanti - a capire che la gratitudine è una scelta e che deve essere consapevole. Ho realizzato che scegliere di focalizzarsi su quello che ci fa stare bene è altresì un'opportunità e mi sono resa conto che farlo avrebbe potuto portarmi a fare un bel passo avanti alla scoperta di un'altra parte di me. 

Ho letto e leggo talmente tanti mémoires bellissimi di persone che soffrono eppure sorridono, di artisti che riescono a trovare l'ironico e/o il comico in situazioni altrimenti disperate, mi sono ritrovata di fronte ad anime lacerate eppur meravigliose. Insomma, il passo era breve... sono andata a fare la spesa e ho acquistato un piccolo quadernetto. Ironia della sorte: è rosa come i big bubble che andavano tanto di moda quando ero piccolina - e io sono nota per prediligere varie sfumature di nero - e gli ho incollato sopra uno sticker con un unicorno che ho ricevuto in dono a Natale. Da quel giorno ho iniziato ad alternare liste di cose che mi rendono felice e mi fanno dire grazie a citazioni che mi ispirano e mi ricordano che c'è tanta bellezza attorno a noi: da Kurt Vonnegut a Rohald Dahl passando per Attico. Ho iniziato e sto riuscendo a mantenere una costanza che - chi mi conosce lo sa - non mi contraddistingue proprio sempre, ritrovandomi a sorridere persino delle cretinate (leggasi: frittelle alle erbe aromatiche venute particolarmente bene). Ritrovandomi a sorridere talmente tanto che ogni tanto - come ho detto sabato a un'amica - mi fa male la faccia e no...non è un ictus ;-)
Che ne dite di provare anche voi?

Credits: Dawanda || TRADUZIONE: e ogni volta che ridiamo un problema muore

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…