Passa ai contenuti principali

|| Literarisch Quatschen || Hunger, A memoir of (my) body

I always tell my students that fiction is about desire in one way or another. The older I get, the more I understand that life is generally the pursuit of desires. We want and want an oh how we want. We hunger.
Hunger. A memoir of (my) body - Roxane Gay


Ci sono pochi libri che ho atteso con l'impazienza con cui ho aspettato di poter leggere "Hunger". Allo stesso modo, ci sono pochissimi scritti che mi hanno sorpresa allo stesso modo in cui l'ultima opera di Roxane Gay ha fatto. Quando ho letto una delle prime recensioni, l'autrice aveva parlato di body positivity e di realizzazione di sé, facendo sembrare queste pagine il resoconto di un percorso ormai in discesa. Nel momento in cui ho iniziato a immergermi in queste pagine, però, ho trovato una narrativa di tutt'altro genere. L'autrice si mette a nudo, racconta di traumi e di momenti bui, spesso senza darsi la pena di risollevare il morale del lettore che si chiede come sia possibile soffrire così tanto. Hunger è la storia di un'armatura - il corpo dell'autrice - che viene a formarsi a seguito di una serie di eventi drammatici e che porterà a continui cambiamenti, adattamenti, riflessioni e momenti di sconforto. Tratta della lotta contro se stessi alla ricerca di un controllo che non si ottiene mai in toto, parla di un'esistenza dilaniata da continui rimorsi e sensi di colpa, da relazioni sbagliate con gli altri ma innanzitutto con il proprio io.
Non si tratta di un libro facile, perché ad essere difficile è stato il vissuto di chi l'ha scritto. Non ci sono risate, non ci sono baci o carezze. bensì lacrime, amarezza e la testardaggine con cui l'autrice va avanti nonostante tutti quei sassolini che rischiano di farla inciampare lungo il cammino. Si tratta della storia di una lotta che non è ancora finita, fatta di piccole battaglie vinte e di altrettante sconfitte, di momenti belli e di momenti brutti: è crudo come ad esser cruda è la vita, è reale e palpabile e per questo l'ho apprezzato oltremisura. 
Perchè leggerlo, se non finisce bene? Onestamente, credo sia un libro che in un modo o nell'altro ha la possibilità di arricchirci in maniera considerevole e di offrirci una nuova prospettiva in grado di farci crescere almeno un poco, di renderci più sensibili di fronte alle lotte (piccole e grandi) di chi ci sta accanto. Non è un romanzo di formazione, bensì un mémoire, ma offre comunque tanti piccoli spunti di crescita che - in momenti oscuri come il momento storico che stiamo vivendo - non possono far altro che bene. 


Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Elogio alla lentezza

Tutti abbiamo bisogno di dedicare qualche ora alla lentezza. Me ne sono ricordata oggi, mentre preparavo un ragù di lenticchie che - proprio come quello tradizionale - ha bisogno di tempo per assorbire i sapori e cuocere a dovere.  Me ne sono resa conto qualche giorno fa quando un cliente ha ordinato un espresso e lo ha bevuto letteralmente appoggiato al carrello porta-vassoi, perché non aveva tempo.  Me ne ricordo ogni volta che, dopo il lavoro, abbandono smartphone e tecnologia per dedicarmi a un libro oppure per godermi un bagno caldo.  Quando mi sono trasferita all'estero, presa dalla frenesia di capire che direzione volessi prendere, ho riempito ore intere di faccende a volte persino inutili. Ho corso anche quando avrei potuto camminare, ho annaspato quando invece avrei potuto respirare a pieni polmoni. Me ne rendo conto molto spesso, confrontandomi con tante persone diverse a lavoro o nel quotidiano: abbiamo questa paura irrazionale di non fare abbastanza, di non riempire l…