Passa ai contenuti principali

||LGBTQIA*|| True colors are beautiful like a rainbow (cit.)


Qualche giorno fa Donne che Emigrano all'Estero ha ospitato un mio articolo sul matrimonio egualitario in Germania.
In onore di questa piccola grande vittoria ho deciso di fare un passo indietro e raccontarvi una storia. 

La cosa buffa è che non so bene come sia iniziata, ma so che non è ancora finita. Ricordo che avevo 13 anni e sentivo le mie compagne di classe parlare di amore, di sesso (a ripensarci la mancanza di chiarimenti da parte degli adulti di turno aveva causato una buona serie di frainteindimenti) e di ragazzi come se fosse il fine ultimo del loro essere. Io avevo i miei libri, i miei cartoni giapponesi, il mio cane e la mia famiglia. Avevo addosso la pressione di dover essere la studentessa più brillante mai esistita, di non dover deludere nessuno, di far parte di quel gruppo di persone che faceva parlare di sé solo grazie a una lunga serie di meriti. 
Non avevo tempo per gli amori da liceo, per le prime delusioni, per quei baci dati di nascosto: essere praticamente perfetta sotto ogni aspetto era un lavoraccio. 
A diciassette anni la parola gay mi faceva paura: se da un lato ero pronta a lanciarmi in qualsiasi discussione pronta a difendere a spada tratta il diritto della comunità omo- e bisessuale a sposarsi e avere figli, dall'altra ero terrorizzata dall'idea che qualcuno la associasse a me, che ne parlasse con la mia famiglia, che si lanciasse in commenti degradanti su quanto fossi disgustosa. Qualcuno ora la chiamerebbe omofobia interiorizzata - e probabilmente lo era - ma chi non sarebbe terrorizzato dall'idea di non essere la figura immacolata e perfetta di quella storia bizzarra che chiamiamo vita?
Ci ho messo del tempo a venire a patti con me stessa, è un lavoro che sto ancora facendo - lo dice anche la mia terapeuta: è un viaggio lungo una vita intera -. Ho iniziato una sera al telefono con un'amica, quando avevo questo grumo di dolore e vergogna di cui volevo liberarmi, pur non sapendo come, quando mettere le parole in fila era difficile, quando dare spiegazioni portava solamente ad ulteriori domande ("Ma non avevi un fidanzato?", "Ma sei sicura?", "Ma sei così bellina che è un peccato. Ripensaci"). Avevo 22 anni, ero terrorizzata e mi sentivo più sola che mai, anche se non lo ero.


Ora ne ho 28 e navigo tra etichette, costrutti sociali e sono riuscita a crearmi una piccola nicchia in cui poter essere me stessa ed ho un gruppo di amici e/o familiari con i quali poter essere me stessa al 100% senza pensarci due volte. Utilizzo il termine queer(1) e mi sto avvicinando al concetto di genderfluid, di gender come performance, mi informo, leggo, ascolto, discuto e cerco di imparare quanto più possibile, nella speranza di poter aiutare qualcuno che a 17 anni si sente esattamente come mi sentivo io. Non lo faccio per buonismo, né per necessità di redenzione: lo faccio perché mi piace pensare che se avessi incontrato qualcuno del genere a 17 anni alcune cicatrici me le sarei pure risparmiate. Lo faccio perché mi piace l'idea di essere quel tipo di persona della quale - da ragazzina - avrei avuto bisogno.




(1): il termine queer viene spesso identificato come sinonimo del termine LGBTQIA*. Alcuni esperti tendono ad associarlo solo alla comunità LGBTQIA* americana per non privarlo della connotazione storica - Stonewall, Christopher Street, la figura di Harvey Milk ect - ma in questo caso l'ho utilizzato come sinonimo di non-eteronormato. 

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …