Passa ai contenuti principali

|| Auf dem Weg || || How to|| Lisbona on a budget

Uno scorcio di Lisbona

Un mese fa mi sono concessa cinque giorni di riposo e svago a Lisbona. 
Ho prenotato un posto letto in un ostello delizioso e mi sono armata di crema solare, macchina fotografica e buoni propositi prima di mettermi alla scoperta di questa deliziosa cittadina.
Come vi ho accennato in un post precedente, mantenere un low budget durante le vacanze è possibile e questo non significa ASSOLUTAMENTE rinunciare a giornate all'insegna dello svago e delle cose che più ci piacciono. Significa semplicemente non eccedere, non farsi prendere dalla frenesia delle vacanze e concentrarsi sulle piccole cose che ci fanno stare bene sul serio. Il più delle volte - manco a dirlo - queste cose non si comprano. ;-)
Ecco, di seguito, un paio di accortezze che ho scelto di seguire per rimanere nel budget che mi ero prefissata.
  • Vedere Lisbona dall'alto regala scorci e viste mozzafiato e ci permette di capire un po' meglio come si è sviluppata la città nel corso dei secoli. Un buon modo è salire sulla passerella dell'Elevador di Santa Justa e guardarsi intorno: da un lato troverete il fiume che bagna la città e dall'altro la collina con le sue millemila case e palazzine. Ma perchè spendere 5,00€ per salire su un ascensore ed arrivare alla piattaforma, quando per arrivare alla stessa vi basterà fare un paio di passi - in salita, okay - e pagare solamente 1,50€?! Peraltro, per arrivare alla piattaforma potete scegliere di passare per una serie di piccole piazzette in cui a farla da padrone sono chioschi, musicanti di strada e scorci da cartolina.
    La torre di Bélem
  • Prendere l'autobus oppure uno shuttle per arrivare in centro vi costerà molto meno che prendere un taxi. La tratta in autobus costa meno di 2,00€ e lo shuttle 3,50€. (Attenzione! Ci sono anche autobus notturni che si fermano davanti all'aeroporto e che viaggiano sino alle 5 del mattino)
  • Allo stesso modo, spesso muoversi a piedi può rendere le cose non solo un poco più economiche ma in qualche modo anche speciali. Un esempio? Dalla Piazza del Commercio a Bélen si arriva - volendo - anche costeggiando la sponda del fiume. Si tratta di una passeggiata di una mezz'oretta (con l'autobus o il tram ci si mette poco meno) che vi permetterà - con un po' di fortuna - di imbattervi in uno dei graziosi mercatini che la città offre.
  • Informatevi presso il vostro ostello sulla presenza di tour guidati della città e/o dei dintorni: sono abbordabilissimi e permettono di scoprire scorci e paesaggi con occhi nuovi. Pagando circa 30,00€ - ad esempio - ho avuto la possibilità di visitare Sintra, fare una degustazione di Porto e prodotti tipici, vedere un castello da fiaba che altrimenti sarebbe quasi impossibile da raggiungere (La Regaleira si trova su una collina), arrivare a Cabo da Roca (ossia il punto più a ovest dell'Europa continentale) e da lì tornare a Lisbona seguendo l'oceano e passando per Cascais e Estoril. Il tutto con una guida che ha spiegato tutto in inglese e ci ha scarrozzati in lungo e in largo con il suo van.
    Avessi fatto tutto da sola, comprese degustazione e macchina a noleggio (Cabo da Roca non ha una stazione vicina), di certo avrei speso molto di più.
    Cascais
  • Se siete interessati a visitare musei e/o monumenti all'interno controllate se esiste la possibilità di acquistare un combi-ticket oppure un pass. Risparmierete qualche euro che potrete investire in qualche altro modo o - volendo ;-) - mettere da parte.
  • Curiosate su Pinterest. Spesso ci sono articoli pieni di buoni consigli per godervi una vacanza low budget in una determinata città.
Come avrete notato queste sono solo alcune delle millemila accortezze che ci permettono di svagarci in vacanza senza martoriare le nostre finanze. Il segreto di base, però, rimane lo stesso: chiudete gli occhi, respirate a pieni polmoni e sorridete perché in quel momento siete esattamente dove desiderate essere. Certe cose - nemmeno a dirlo - non hanno prezzo.

Commenti

  1. Caspita, questo articolo è davvero molto interessante per contenere il proprio budget! Lisbona è uno dei luoghi in cima alla mia basket list...spero di poterci andare quanto prima...grazie per i tuoi consigli!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lisbona è una città alla quale mi sono affezionata subito...pur non parlando una parola di portoghese, complice anche l'ambiente internazionale, mi sono subito sentita a casa..insomma: la consiglio vivamente.
      Peraltro è economica e si gira molto molto facilmente a piedi. L'importante è non dimenticarsi la crema solare ;-)

      Elimina
  2. Molto utile per chi vuole visitare Lisbona senza spendere troppo..in Portogallo comunque mi pare di capire che i prezzi sono comunque bassi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I prezzi sono abbastanza ridotti, verissimo. Ovviamente, poi, dipende anche da cosa uno vuol fare/vedere/mangiare :D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …