Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero


Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.

Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.

1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo…
2 – La convinzione di saper fare tutto meglio a prescindere: da quando mi sono trasferita c’è una frase che non ho ancora smesso di sentire. “Eh, ma come lo facciamo noi in Italia…” Dal caffè al pane alle rotonde (!!!) ce n’è davvero per tutti i gusti. Io non credo che all'Estero facciano tutto meglio, né credo facciano tutto peggio. Fanno quello che possono e fintanto che io mi trovo bene nel luogo in cui ho scelto di posare le ossa per un po' non vedo cosa ci sia da lamentarsi.
3 – La convinzione che in Italia sia tutto peggio: trasferirsi all’estero significa guadagnare prospettiva, non solo distanza. Significa rendersi conto che spesso in alcuni settori “si fa quello che si può” e che non sempre l’erba del vicino è più verde. Onestamente, credo che una volta messa la giusta distanza tra noi e i nostri fantasmi tutto quello che ci rimanga da provare siano un po' di simpatia e un po' di indulgenza. Una volta arrivati a questo punto, non ci resterà che guardare al nostro Paese con occhi diversi e con un sorriso, seppure un po' amaro.
4 – La routine quotidiana: sembrerà banale ma non lo è. Pensateci: arrivare in un paese straniero non significa solo cambiare casa. Significa anche entrare in contatto con una realtà diversa che in qualche modo dobbiamo accettare. Dagli orari della posta alle abitudini locali passando per i vari impegni che in qualche modo entreranno a far parte del quotidiano, fermarsi a rimpiangere l’Ape(ritivo) delle 18:00 non ci aiuterà di certo.
5 – La convinzione di potercela fare a prescindere: questa, di base, è una delle ragioni per cui tanti tornano a casa dopo pochi mesi con le tasche vuote, gli occhi gonfi di lacrime e - spesso - il cuore pieno di rancore nei confronti del Paese in cui non sono riusciti a farcela. Trasferirsi all'estero non è facile. È impegnativo ma appassionante, perché ti permette di sfidare i tuoi stessi limiti e di conoscere parti di te che prima non conoscevi. Occorre darsi da fare, rispolverare l'arte del compromesso (prima di tutto con noi stessi) e non perdere mai la voglia di mettersi in gioco. Nel momento in cui si smette di credersi "vincenti a prescindere" e si decide di attuare la strategia necessaria a vincere, credetemi, le cose prenderanno il giusto corso.

E voi? Quali sono le cose che "avete lasciato" prima di partire all'avventura?

Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)


Commenti

  1. Condivido in pieno il tuo articolo, aggiungendo solo che bisogna disporre di una grande capacità di adattamento: i costumi, le abitudini, i ritmi dono diversi dai nostri e siamo noi che dobbiamo abituarci a rispettarli, in quanto ospiti a casa di altri. Rimpiangeremo sempre un po' la famiglia, gli Amici - quelli veri -, le consuetudini cui eravamo abituati, ma dovremo anche imparare ad apprezzare, senza pregiudizi, i nuovi modi di vita delle comunità che ci accolgono. Solo così, riusciremo ad integrarci veramente, mantenendo comunque salde e non rinnegando , le nostre radici!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno e grazie per il tuo intervento! Concordo in pieno e aggiungo che, spesso, trovare un equilibrio tra queste due tendenze (l'integrazione-adattamento e l'amore per le proprie radici) non è facile ma, una volta raggiunto beh... è tutta un'altra vita. Un caro saluto!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-life || Elogio alla lentezza

Tutti abbiamo bisogno di dedicare qualche ora alla lentezza. Me ne sono ricordata oggi, mentre preparavo un ragù di lenticchie che - proprio come quello tradizionale - ha bisogno di tempo per assorbire i sapori e cuocere a dovere.  Me ne sono resa conto qualche giorno fa quando un cliente ha ordinato un espresso e lo ha bevuto letteralmente appoggiato al carrello porta-vassoi, perché non aveva tempo.  Me ne ricordo ogni volta che, dopo il lavoro, abbandono smartphone e tecnologia per dedicarmi a un libro oppure per godermi un bagno caldo.  Quando mi sono trasferita all'estero, presa dalla frenesia di capire che direzione volessi prendere, ho riempito ore intere di faccende a volte persino inutili. Ho corso anche quando avrei potuto camminare, ho annaspato quando invece avrei potuto respirare a pieni polmoni. Me ne rendo conto molto spesso, confrontandomi con tante persone diverse a lavoro o nel quotidiano: abbiamo questa paura irrazionale di non fare abbastanza, di non riempire l…