Passa ai contenuti principali

||How to || Voglio andare a vivere in campagna...

Una delle prime cose che ho notato, una volta trasferitami in Germania, è che tantissime persone non hanno la patente. Probabilmente perché sono abituati a fare anche 5 km per volta in bicicletta per andare al lavoro, forse perché hanno un sistema di trasporti che funziona in maniera abbastanza efficiente (esistono i ritardi, come capitano i vagoni sovraffollati nelle ore di punta, per l'amore del Cielo, ma il sistema funziona) ed è abbastanza abbordabile, in quanto a prezzi... fatto sta che alcuni miei amici dall'alto dei loro 30-35 anni non hanno la patente e non ne risentono.
Venendo da un paesino di mille anime avere la patente quanto prima era innanzitutto una necessità. Significava poter prendere in prestito la macchina dei miei e raggiungere gli amici la sera, andare da sola alle visite mediche (che dopo i 16 anni farsi accompagnare a far le analisi del sangue è triste..), poter andare a colloqui di lavoro e via discorrendo. Non significa solo libertà quanto anche autonomia e quel briciolo di indipendenza che a un certo punto ci aiuta anche a diventare adulti più consapevoli. Come tutte le cose, evidentemente, anche la patente ha una scadenza e va rinnovata ma trovandovi in Germania come occorre fare?
Avendo il domicilio qui e non volendo dedicare una settimana di ferie alle varie trafile dell'autoscuola italiana ho percorso la via consigliatami da alcuni amici: ho trasformato la mia patente Europea-Italiana in una patente Europea-Tedesca. Detta così sembra una cosa complicatissima ma - credetemi - basta un po' di pazienza, una mattinata libera e..zac! Ciao ciao patente italiana...
Una premessa: la patente non deve ancora essere scaduta.
Cosa vi occorre?
- La patente italiana
- Una foto biometrica (io ne ho avanzate tre da quando ho fatto il passaporto ergo a breve avrò anche sulla patente una foto in cui sembro Joker)
- Un documento di identità
- L'Anmeldung che certifichi dove abitate (io risultavo registrata con tutti i crismi e non l'hanno voluta, ma in alcuni casi so che la chiedono)
Dove dovete recarvi?
L'ufficio del Bürgerservice che si occupa di queste cose si chiama Fahrerlaubnisbehörde. Vi recate lì con le vostre cose - se vi trovate in una città medio-grande conviene prendere appuntamento online - e attendete il vostro turno. Una volta accomodati basterà spiegare - in parole semplici! Sto scoprendo che negli uffici statali la strategia da adottare è appunto questa: usare parole semplici e concise! - la vostra situazione, consegnare foto e documenti (in modo che questi vengano fotocopiati) e pagare la modica cifra di 35,00€. (In alcuni Bundesländer il prezzo potrebbe variare leggermente)
Vi verrà consegnata una ricevuta che dovrete presentare all'accettazione da lì a 3-4 settimane (per i centri grossi mi è stato detto 4-6 settimane) per ritirare la vostra nuova patente. La vecchia la lascerete all'accettazione al momento del ritiro, in modo che venga rispedita in Italia con una lettera che attesta che attualmente siete in possesso di un patente Europea-Tedesca. Semplice, no?
E la volete sapere una cosa? Con la patente tedesca si possono anche guidare i piccoli trattori..insomma, volessi percorrere la via agreste avrei un paio di marce in più...già mi vedo in sella a un trattore a cantare "Voglio andare a vivere in campagna"...

Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …