Passa ai contenuti principali

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo a preoccuparmi e prendermi cura di persone che non mi vedono per quella che sono, che si stupiscono di fronte a scelte che per me sono normali (frugare tra i maglioni da uomo, ad esempio) e mi chiedono "Perché non fai come tutte le persone normali?".

Sono venuta a patti con il fatto la mia normalità e il mio quotidiano non coincidano con quelli di altre persone a me vicine, sono venuta a patti con il fatto le persone cambino in maniere che spesso ci risultano estranee se non incomprensibili ma venire a patti con il fatto di me si ami una persona che non sono, dovermi confrontare con l'implicito rifiuto di persone che dovrebbero amare a prescindere è doloroso. Lacerante. Alienante.

Non possiamo piacere a tutti ma dovremmo perlomeno aver la possibilità di mostrarci per quelli che siamo e non venir perennemente messi di fianco a un'immagine di noi che non corrisponde alla realtà.
Ecco: se c'è una cosa che ho imparato in tre anni e quasi due mesi di espatrio è proprio questo... non tutti ci ameranno per quelli che siamo veramente ma nasconderci o conformarci al loro implicito modello di accettabilità corrisponde solo a partecipare a un gioco sporco in cui nessuno vince e tutti giacciono amareggiati al bancone, con una birra calda in mano e patatine scadenti.

Commenti

  1. "... dovermi confrontare con l'implicito rifiuto di persone che dovrebbero amare a prescindere è doloroso. Lacerante. Alienante."
    Per me è così con la famiglia del mio ragazzo, per loro in cima alle cose importanti della vita, c'è il lavoro. Per me non è così, ma mi sto sbattendo tra due provincie comunque per trovare lavoro e diventare insegnante di lingue per adulti. (quando mi vedono mica mi chiedono come sto...mi chiedono se ho trovato lavoro...) per questo devo anche ringraziare la mia adorabilissima suocera. Non posso mostrare come sono in realtà, ma devo imparare le battute a memoria, per far sì che loro non chiedano ulteriori spiegazioni...come se io dovessi dare spiegazioni sulla mia vita! (con giudizi che arrivano sempre e comunque.)

    LG aus Kärnten

    RispondiElimina
  2. Uh, das ist doof :/
    Confesso che il tema carriera è argomento sensibile anche dalle parti della mia famiglia e - gioco forza - ho dovuto venire a patti con il fatto che la definizione di carriera e quella di lavoro "che va bene" varino da persona a persona. Io stessa trovo triste il fatto si parli solo di lavoro e lo si veda come un dovere, un obbligo e non una necessità di arricchiarci (prima di tutto a livello umano...!). Sto iniziando a pensare - tra l'altro - si tratti anche e soprattutto di un fatto generazionale, sai?
    In ogni caso pensa alla splendida carriera che ti attende.. questo sarà sicuramente in grado di lasciare suoceri e invidiosi a bocca aperta. (E muta, il che non guasta nemmeno ;-) )
    Un abbraccio!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …