Passa ai contenuti principali

La forma dell'acqua


Io il Tanaro lo conosco bene.
Da piccola, quando andare al mare non era possibile o non potevamo permettercelo, mia nonna e mia mamma mi portavano al fiume - quando ancora non c'era una diga e l'acqua era libera e pulita - e lì passavo i miei pomeriggi. Immaginando di salvare il mondo da pirati, mostri marini e iceberg.
Quando i miei genitori hanno comprato l'orto e lo hanno sistemato, dal terrazzamento di sotto lo si sentiva scorrere, quel benedetto Tanaro. E l'acqua della vasca dei pesci e di quella per irrigare proviene proprio da lì, ed è fresca e viene su pulita, grazie a qualche vecchio filtro.
Nel 1994, proprio in questo periodo dell'anno, è stato a causa dell'esondazione del Tanaro che ho dovuto posticipare i buchi alle orecchie di almeno due settimane. Perché alcune strade erano ormai delle piscine e la macchina non poteva affrontare una massa d'acqua del genere senza che facessimo una brutta fine.
In quella stessa occasione, mia madre ha cucinato due giorni a lume di candela, ringraziando le linee telefoniche ogni tanto ancora andassero e la batteria del cordless appena acquistato avesse un'autonomia decente. Le scuole chiusero per un giorno, anche se si trovavano tanto in alto, e tantissime persone del paese persero casa, campi, alcuni addirittura dei parenti o degli amici.

Ora, dopo giorni di pioggia - quattro, se non cinque - lo stesso Tanaro sta di nuovo allagando intere porzioni della Provincia, la trattoria in fondo al paese è completamente allagata e il proprietario si è appellato a chiunque abbia tempo, una pala e buona volontà perché appena smetterà di piovere ci sarà da lavorare. Da bonificare, ripulire, pompare via l'acqua, sistemare le strade, controllare campi e animali, sperare.
Sperare che i prossimi ponti che sostituiranno quelli colorati resisteranno all'acqua e non cadranno come un castello di carte. Sperare che le sovvenzioni per la ricostruzione arrivino a chi ne ha bisogno e non a chi se le intascherebbe volentieri senza far nulla. Sperare che non debba arrivare l'elicottero della protezione civile a tirare fuori salme dalle case, perché dalla porta non si può passare e le macchine non riescono ad arrivare. Sperare che gli sciacalli smettano di essere sciacalli e diventino semplicemente fratelli. Sperare di non ricevere telefonate che ti comunichino che l'amico X o il parente Y non ce l'ha fatta, mentre cercava di andare a controllare che tutto fosse a posto, nella stalla.
Sperare che passi anche questa, che non ci passi sopra ma che si riesca a passarle attraverso, per poi poter cominciare a ricostruire. A tendersi la mano. A farcela insieme.

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …