Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || Back to school


Okay, lo ammetto. Faccio parte di quella categoria di persone che - da piccole - tornavano volentieri a scuola. Vuoi perché vivevo in un paesino piccolo, con pochi coetanei coi quali giocare o - qualche anno dopo - prendere un gelato, vuoi perché la routine dell'alzarsi-colazione-pulmino-scuola-casa-compiti-cena-nanna mi ha sempre dato sicurezza beh... non ho mai avuto grossi problemi a tornare a scuola. Nonostante bulli, giornate passate sui libri e sveglie abbastanza antelucane, andare a scuola non mi è mai pesato. Ho letto, imparato, letto, pianto, letto, studiato, letto... si vede che leggo tanto e volentieri? ;-)
Qua in Germania la scuola è cominciata da un mesetto, e tutti i giorni incontro per strada bambini con il loro zainetto semi-rigido, armati di bottiglia dell'acqua e Tupperware con il pranzo, alcune volte in bicicletta e altre a piedi o in monopattino. Se penso al mio primo giorno di scuola ricordo con certezza il fatto i miei genitori avessero tentato di scattare qualche foto di me con un grembiule nero e un bellissimo zainetto con le rifiniture di cuoio (ad averlo adesso...sigh) che poi mi son trovata costretta a cambiare perché troppo piccolo e "da adulti" per me.
Qua l'Einschulung (letteralmente l'ingresso a scuola) è ahem... roba grossa. I bambini ricevono la Zuckertüte, un cono di cartone pieno di caramelle, dolcini e spesso qualche piccolo articolo di cancelleria e ai genitori - alcune volte direttamente ai bambini - viene spesso data una piccola somma in denaro che dovrebbe aiutarli a far fronte alle millemila piccole spese, dagli articoli di cancelleria, alle scarpine per la palestra, allo zaino e chi più ne ha più ne metta. Lavorando in una panetteria-pasticceria-caffè ho visto persino famiglie ordinare torte fatte a forma di Zuckertüte per "festeggiare" il tutto con amici e parenti davanti a una tazza di caffè. Onestamente, trovo molto bello il voler celebrare questo primo passo importante nella vita di un figlio... di quel periodo io ad esempio ho pochissime fotografie e pochissimi ricordi. I miei genitori lavoravano, prendersi un giorno libero non sembrava necessario e io ero confinata alla compagnia di mia nonna. Anche volessi non ho la possibilità di sfogliare album di fotografie, ho qualche vecchia foto di classe e ogni volta mi soffermo un attimo di troppo a osservare le oscenità che ci toccava portare ai piedi... ah, i beati anni '90...
Questa è un'altra cosa che ho imparato trasferendomi qua... anche i traguardi meno importanti (importanti per chi, poi?) meritano il loro momento di gloria... fosse anche solo una riunione andata particolarmente bene perché non soffermarsi a godere il momento? Soprattutto: perché non farlo in compagnia di coloro che amiamo?

Commenti

  1. Io e mio marito abbiamo realizzato che siamo stati gli unici a non aver fatto la foto con lei al suo primo giorno. Perchè il giorno dopo vedevo tutte le foto di famiglia. Io le ho fatto la foto da sola con lo zainetto.Qui nessuna tradizione particolate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il tuo contributo, Mimma, e benvenuta!
      Trovo molto bella l'idea della foto alla piccola (sola o con i genitori, trovo sia un momento da immortalare) e sono certa che in capo a qualche anno sarà un momento che riscoprirà con gioia! :)

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …