Passa ai contenuti principali

Lui, lei, loro...? NOI!

ATTENZIONE! Il termine "gender" qua viene utilizzato per indicare il genere - o sesso biologico -. Non ha nulla a che fare con le pagliacciate su inesistenti teorie create da qualche pecorone solo per spaventare chi ancora non sa difendersi armandosi di fatti.

[Cistem nasce dalla crasi di CIS (il contrario di TRANS) e Sistem.]
Come forse ho già accennato, sono membro del gruppo universitario Queer Paradies che ha come scopo quello di creare un ambiente più tollerante e variegato offrendo seminari, letture pubbliche, film e quanto ci è possibile offrire con un budget limitato e un pubblico che spesso si augura solo feste e concerti.
Ieri abbiamo ospitato l'intervento di Muriel Aichberger sul tema del linguaggio. Il titolo era - tradotto - "Lingua genderizzata e pratiche linguistiche inclusive". Il concetto è semplice: come posso utilizzare il linguaggio in modo che un'intera comunità si senta rappresentata?
Se da un lato il tema non è nuovissimo - perlomeno qui, o in America... -, dall'altro la discussione è stata decisamente "esaltante". Ci sono stati feedback positivi, pareri un po' scornati e qualche "tradizionalista". In ogni caso, ancora una volta siamo stati messi di fronte al fatto che il cambiamento c'è, basta accettarlo senza arroccarsi su posizioni quali "è sempre stato così...perché cambiare le cose?".
Perché è giusto, bello, importante riconoscere chi è diverso da noi. Perché tutti - incluse la comunità transessuale e quella intersessuale - meritano di avere una voce e di essere presi in considerazione senza essere categorizzati in gruppi che non li rispecchiano.
Perché di fronte all'intolleranza, alla violenza, all'odio DOBBIAMO prendere una posizione. Farlo con cognizione di causa, apertura mentale e rispetto per il prossimo.
Perché non c'è nulla di più bello del vedersi e accettarsi con le proprie differenze - grandi o piccole che siano - e decidere di amarsi proprio perché se ne riconosce il valore e non lo stigma che il concetto di diverso spesso - ahimè - porta con sé.
Insomma, d'ora in avanti chiedetevi se il pronome che usate per riferirvi a una persona lo rispecchia, chiedete a lui e ricordatevi che un piccolo gesto come questo è in grado di apportare grandi cambiamenti. Un passo alla volta, certo, ma sempre in avanti.

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …