Passa ai contenuti principali

|| Decluttering || Salutandoti affogo (cit.)

Rimettere in ordine i propri spazi di vita, liberandosi di ciò che non occorre più, permette di lasciare scivolare via una vera e propria zavorra materiale che in realtà viene considerata come correlata alla sfera emotiva. E' proprio per questo che di norma, dopo aver riordinato e fatto spazio nella propria abitazione, nonostante la fatica che ciò può avere comportato, ci si sente meglio e di buonumore. (Fonte: greenme.it)





C’è aria di cambiamento, dalle mie parti. Di piccole e grandi rivoluzioni che partono – come sempre dovrebbe essere – da dentro. Giovedì ho sistemato le fonti – fotocopie, stampe, libri – della mia tesi di dottorato iniziando a dare un senso ai millemila foglietti che la sistemazione precedente non mi permetteva di utilizzare nel modo migliore. Ieri, poi, ho sistemato i tupperware del WG e sistemato un poco il balcone. Oggi, infine, ho fatto un po’ di ordine per quanto riguarda il mio reparto “beauty, cosmetici (spoiler alert: sono pochi ma ci sono) e medicinali.
Per intenderci, prima il contenuto del mio mobiletto in camera e della mia parte di scaffale in bagno - raccolto e messo insieme -  era questo:


Ora - dopo aver buttato cose che non uso più, creme scadute, flaconi vuoti - e riorganizzato le mie cose il risultato è decisamente un altro.


Questa prima foto (un porta-proteggi slip, qualche salviettina rinfrescante, del disinfettante e un paio di colliri monodose) corrisponde alle cose che da una settimana almeno progettavo di mettere in borsa
Qua invece ho sistemato il resto, riorganizzando le mie cose in modo da rendermene più facile l'accesso.

La busta/beauty con la cerniera fucsia contiene tutto quello che ho "in più", dallo shampoo comprato in offerta ai deodoranti (vivo nel terrore di non averne abbastanza e alla fine ne ho per una squadra di rugby...) sino ai cotton-fioc che non riesco a far stare nel dispenser.
La scatola con le coccinelle contiene il make-up che uso solo per le occasioni e i miei smalti, oltre a qualche pennello da ombretto. Gli ombretti, come vedete, sono in una "scatola nella scatola" che ho provveduto a chiudere. (Potesse essere utile per qualcuno: la scatola fa parte di un kit ikea che ne contiene tre piccole, una media e una grande).
Il portapenne blu (era il mio portapenne del liceo... sigh) contiene i medicinali (per fortuna pochissimi..) e un barattolo di vasellina per il post-bouldern.
La busta in plastica trasparente contiene il contenuto del mio beauty da viaggio, al quale dedicherò un post prima di partire per le vacanze... abbiate fede :D
Infine il beauty nero contiene le cose che tengo in bagno, tolte ovviamente quelle che non uso più, e fuori - come potete notare - tengo solo la crema giorno, la crema notte, il fondotinta, la lacca e due spray (rispettivamente crema corpo post-doccia e ricostituente per i capelli).

Ho sistemato il beauty nero in bagno accanto alle cose che preferisco rimangano fuori (le uso tutti i giorni) e tutto il resto è ritornato nel mobiletto che tengo in camera da letto, assieme alla crema solare e all'epilatore. Insomma, ho tirato tutto fuori, buttato il superfluo e l'inutilizzabile e ora sono pronta a ripartire. Con sprint - quello sempre - ma anche con ordine... mica male, giusto?

Ah, cosa MOLTO importante: sul - meraviglioso - sito "Donne che emigrano all'estero" sto scrivendo una serie di pezzi dal titolo "How to do expat on a budget". Che ne dite di venire a darci un'occhiata? :D


Commenti

  1. Aaah dovrei farlo anche io! Il mio bagno é il caos (per non parlare dell'armadio). Grazie dell'ispirazione :))

    Marika
    http://1810km.blogspot.nl/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta!
      Conto di dedicare presto un post al mio armadio - che ho già sistemato - perché so benissimo quanto può essere difficile trovare un sistema efficace per sistemarlo, soprattutto se lo spazio è poco. Stay tuned! Poi da quando la mia coinquilina mi ha spiegato come sistemare meglio t-shirt e canotte beh... è tutta un'altra storia! :D
      Buona serata!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …