Passa ai contenuti principali

Work-talk is the new black

Molto spesso mi capita di sentire gente parlare di lavoro. Questo perché - volenti o nolenti - é una parte importante della nostra vita, perché passiamo ore e ore a occuparcene e perché - ammettiamolo - parlare di lavoro sostituisce spesso quello che chiameremmo "small talk".



Ciò detto ieri sfogliando annoiata il profilo Facebook di qualche conoscente non ho potuto fare a meno di riflettere su un paio di cose. insomma, mi sono trovata davanti bacheche intere di "domani ho la riunione X", "il mio capo vuole che faccia XYZ", "udite udite, domani al lavoro N"... che noia! Non me ne si voglia ma sto iniziando a diventare allergica alle persone che parlano ESCLUSIVAMENTE di lavoro.. non perché non dia valore a quello che faccio o che gli altri fanno, ma perché mi rendo sempre più conto di quanto sia bello e importante non limitarsi a parlare di colleghi noiosi, capi impossibili e quanto altro...
Allo stesso modo mi spiace sempre un po' quando la prima domanda che mi viene posta è "come va il lavoro?" e non - ad esempio - "cosa fai questo week-end? cosa stai leggendo? che musica hai scoperto di recente?". Mi ritrovo spesso a chiedermi se davvero dall'esterno traspaia solo il mio lieve stakanovismo...

Limitarci a parlare di lavoro può dare l'impressione che il nostro unico interesse sia quello e non il libro che stiamo leggendo, le peripezie che ci vedono protagonisti, l'ultimo concerto o l'ultima mostra alla quale siamo stati. Siamo persone che lavorano, si impegnano, si danno da fare su millemila fronti MA siamo anche tanto altro.. siamo i nostri interessi, le nostre giornate no, i nostri successi e le nostre battute d'arresto. Siamo un caleidoscopio fatto di millemila colori e riconoscerne solo uno é proprio un peccato...insomma, meno work-talk  e più me-talk non potranno altro che farci un gran bene. Che ne dite?

Commenti

  1. Anch'io come te sono un'italiana che ha deciso di mollare tutto abbandonando la nostra bella e amata italia.Mi complimento per il tuo blog,molto fresco ed originale.Spesso quando si vive all'estero si sente la necessità di raccontarsi e lo si riesce a fare attraverso i propri articoli.Ho anch'io un mio blog http://chooseyourlifepeople.com

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …