Passa ai contenuti principali

L'importanza di chiamarsi Unicorno


..no, non preoccupatevi, non sono diventata scema tutto d'un tratto. Al più lo ero già e non ve ne eravate mai accorti... ;-)
Tantomeno voglio fare il verso a Oscar Wilde e al suo piccolo gioiello The importance of being earnest, anche perché le mie velleità scrittorie raramente sfociano nel comico. Amo la tragggggedia, altroché. ;-)

Riflettevo prima sul fatto che una mia cara - carissima - amica un giorno mi disse che sono un po' unicorno, perché cerco sempre di vedere il positivo. Anche quando affondiamo tutti a piene mani in oceani di profumatissima melma.
Per dire, oggi ho parcheggiato la bici davanti alla scuola e mi sono resa conto che il cambio davanti era bloccato. Non si muoveva dal rapporto più grande e mi stava venendo un mezzo colpo quando mi sono detta "Sam, non c'è corrente ergo non salti in aria, non ci sono pezzi che si rompono al minimo colpo...prova a darci un occhio..".
Morale? Il cambio davanti adesso funziona quasi alla perfezione - voglio ancora darci un'occhiata per bene nel WE, ma questo perché sono una maniaca dell'ordine e del controllo - e io sono arrivata in classe dopo essermi lavata le mani almeno cinque volte sperando il nero del grasso andasse via se strofinavo ancora una volta. Ed è stato esattamente così. Insomma, la mia epidermide si è assottigliata di almeno qualche decimo di millimetro ma per il resto tutto bene.
E questo è solo un esempio.

Non amo piangermi addosso, ma ho passato mesi d'inferno tra l'incertezza di un futuro che non volevo - che non voglio, a conti fatti - e l'inesorabilità di alcune cose che devo portare a termine, perché rispetto ogni singolo impegno preso. Soprattutto se si tratta di lavoro.
Anche se a mio modo di vedere le cose non lo sono mai abbastanza, riconosco il valore del rigore e della disciplina e lo applico soprattutto su me stessa, il che significa che quando le cose vanno male tendo a punirmi inconsciamente perché - insomma! - le cose potrebbero pure andare meglio, uno riuscisse a darsi una regolata come si deve..!
Poi un giorno, dopo una settimana al limite del deprimente e un attacco di panico in fila all'altro mi son detta "Ma perché?" e ho iniziato - meglio: ho riniziato - a cercare il bello, il positivo, a credere in me stessa - almeno un pochino.. - e negli altri, a sorridere di ogni occasione e a cercare di coglierne quante più possibili. Non è facile, non sempre porta a risultati immediati ma ne vale la pena, perché le scoperte che uno fa lungo il cammino sono qualcosa che ci arricchisce. Sempre.
E non lo faccio solo per me, lo faccio anche per i miei amici: lo faccio perché vederli felici mi procura una gioia infinita, perché saperli sereni mi fa stare meglio.
L'ho scritto a lei sul suo biglietto di compleanno:
Perché sei un essere speciale,
ed io avrò cura di te.

Insomma, abbiate cura di voi stessi e dei vostri cari. Amatevi: amate i vostri difetti e i vostri pregi, adorate le mille imperfezioni che vi fanno unici e prendetevi un po' di tempo per cercare di far capire a coloro che amate *cosa* vedete, quando siete l'un* davanti all'altr*.
E ricordate:
“Breathe. You're going to be okay. Breathe and remember that you’ve been in this place before. You’ve been this uncomfortable and anxious and scared, and you've survived. Breathe and know that you can survive this too. These feelings can’t break you. They're painful and debilitating, but you can sit with them and eventually, they will pass. Maybe not immediately, but sometime soon, they are going to fade and when they do, you'll look back at this moment and laugh for having doubted your resilience. I know it feels unbearable right now, but keep breathing, again and again. This will pass. I promise it will pass.”
― Daniell Koepke

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

Lasciami andare madre

Ho appena concluso una telefonata allucinante con mia madre. Una di quelle alle quali, nonostante tutte le sedute di terapia di questo mondo, non ero preparata.
In una manciata di minuti, mi sono sentita tirare addosso parole come "non avrai mai una carriera", "non finisci mai nulla", "butti anni di sacrifici nel cesso", "non so più cosa fare con te", "con te non c'è proprio speranza". A prescindere dal rapporto non-rapporto che esiste tra me e mia madre, a prescindere dal fatto che il suo atteggiamento è uno dei motivi per i quali una manciata di anni fa pensavo di farla finita, a prescindere dal fatto che non può tirarmi addosso i suoi fallimenti personali ho una cosa da dire:

genitori, abbiate fiducia nei vostri figli
Perché penso a Margherita, splendida mamma che ho conosciuto tramite Donne che Emigrano all'Estero, e al modo gentile con il quale educa i suoi due bambini, all'empatia con la quale decora il loro rapporto,…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …