Passa ai contenuti principali

We could be heroes, forever and ever


Lo scorso week-end sono andata a trovare una carissima amica.
Nulla di fuori dal comune... chi non va a trovare gli amici, quando ha un momento libero?
Ecco.. Giulia abita in quel di Oslo. Surprise!
Ho preso il volo di venerdì dopo pranzo e sono tornata lunedì mattina, in tempo per andare al lavoro.
Una piccola avventura per staccare la spina, ricaricare le batterie e - last but not least - lasciar andar via un bel po' di negatività, pressione, cattivi pensieri che mi stavano lentamente mandando in pappa il cervello.
Che dire? Sono stati giorni inaspettati. Ero mentalmente pronta per una distesa di bianco e il silenzio ovattato dei paesaggi innevati, invece mi sono trovata davanti questa meraviglia.


Ho ammirato l'elegante imponenza della massa d'acqua, i resti del ghiaccio che sino a qualche giorno prima aveva caratterizzato il fiordo, il blu del cielo e i riflessi incredibili e meravigliosi che si proiettavano sulla massa d'acqua.
Lì, finalmente, ho ripreso a respirare. A pieni polmoni. Perché se da un lato è vero che a volte la vita ci riserva momenti complessi, è altrettanto vero che non possiamo affrontarli rimanendo immobili. Li dobbiamo affrontare saltellando, lottando, dandoci da fare. Senza mai darci per vinti. Mettendoci in gioco anche quando questo significa rischiare il poco di stabilità che avevamo conquistato.
Perché siamo eroi. E tutto il resto è fuffa.



Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Elogio alla lentezza

Tutti abbiamo bisogno di dedicare qualche ora alla lentezza. Me ne sono ricordata oggi, mentre preparavo un ragù di lenticchie che - proprio come quello tradizionale - ha bisogno di tempo per assorbire i sapori e cuocere a dovere.  Me ne sono resa conto qualche giorno fa quando un cliente ha ordinato un espresso e lo ha bevuto letteralmente appoggiato al carrello porta-vassoi, perché non aveva tempo.  Me ne ricordo ogni volta che, dopo il lavoro, abbandono smartphone e tecnologia per dedicarmi a un libro oppure per godermi un bagno caldo.  Quando mi sono trasferita all'estero, presa dalla frenesia di capire che direzione volessi prendere, ho riempito ore intere di faccende a volte persino inutili. Ho corso anche quando avrei potuto camminare, ho annaspato quando invece avrei potuto respirare a pieni polmoni. Me ne rendo conto molto spesso, confrontandomi con tante persone diverse a lavoro o nel quotidiano: abbiamo questa paura irrazionale di non fare abbastanza, di non riempire l…