Passa ai contenuti principali

Whatever will be, will be (?)

È da un po' di tempo che continuo a leggere post, appelli e richieste di persone che vogliono partire per un futuro migliore senza sapere dove andranno, cosa faranno, come sopravvivranno i primi mesi, cosa ne sarà di loro. Questa loro mancanza di piani mi ha fatto riflettere sul concetto di emigrazione, su quanto il fenomeno sia cambiato ma rimanga al contempo sempre lo stesso..
A ben pensarci un secolo fa si partiva esattamente così, per cercare fortuna e con la speranza di poter poi accogliere moglie e figli al seguito, senza sapere nulla del paese in cui si sarebbe andati a vivere, senza conoscerne la lingua e senza certezze...
Ecco, a volte mi sembra che nonostante siano passati decenni certi aspetti dell'emigrazione siano rimasti gli stessi.. Leggo di persone che per qualche motivo vogliono andare a Londra, ora il trend si sposta verso la Germania e la Norvegia, prossimamente sarà magari il Sud Africa poi chissà... Mi chiedo con che speranza di futuro (e che livello di disperazione) si possa pensare di trasferirsi in un altro stato senza conoscerne la lingua e senza sapere che si farà e sorrido pensando ai clienti che incontro e che mi chiedono stupiti se io (residente in Germania) parli almeno un po' di tedesco. Sorrido eppure lo trovo triste, come trovo deprimente pensare ci sia ancora gente che pensa di poter affrontare un cambiamento del genere sulle note di "Sará quel che sarà".
Certo, ci sono anche persone che ce l'hanno fatta, persone che vuoi per fortuna vuoi per intraprendenza si sono buttate e hanno avuto un riscontro. Eppure ci sono anche TANTE persone che dopo pochi mesi sono tornate dicendo "non ce la facevo. Non fa per me", avendo magari impegnato beni, venduto macchine e quanto altro..
Un mio caro amico, expat in Norvegia, un giorno mi ha detto una cosa: "Io non sapevo se ce l'avrei fatta. Sapevo che mi sarebbe piaciuto provarci, credevo in me stesso, ma con un lavoro sicuro in Italia dovevo tener conto anche di cosa lasciavo. L'aspettativa di sei mesi è stata per questo motivo un gran bel cuscinetto..."
Insomma, abbiate un piano. Istruitevi. Valutate più ipotesi. Non chiudetevi nessuna porta inconsapevolmente alle spalle. Combattete la paura di non farcela a suon di liste e organizzazione. Non dite "qualsiasi lavoro va bene", date valore a quello che sapete fare, abbiate voglia si imparare - SEMPRE - e fate del vostro savoir faire un punto di forza.
Abbiate la voglia di buttarvi in nuove sfide e l'umiltà di capire quali potete effettivamente vincere e come. Il resto, pian pianino, verrà da sé.

Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …