Passa ai contenuti principali

#amoredimmelo

L'undici ottobre - ormai lo sanno quasi tutti - è la giornata mondiale del Coming-Out.
Non un'occasione per mettersi sul balcone e urlare "Sorpresa!" sventolando una bandiera arcoabaleno - intendiamoci! - bensì un modo per ricordarci il nostro diritto - o diritto/dovere? - a essere fedeli a noi stessi e a volerci bene al punto da vivere la nostra verità. Tutto questo - naturalmente - sempre secondo le circostanze con le quali dobbiamo quotidianamente fare i conti.
Insomma... la rete è piena di storie bellissime ma anche di vicende decisamente incresciose, dove a farla da padroni sono famiglie intolleranti che fanno dell'omosessualità di un figlio una questione personale e spesso anche un disonore. Fate attenzione, tutelatevi e andrà tutto - se non benissimo - perlomeno meglio di quanto non avrebbe potuto essere in caso lo aveste fatto seguendo l'impulso del momento.

Quando ho preso il coraggio a due mani e l'ho detto a mia madre, l'ho fatto perchè ero stanca di mentire o di dover omettere dettagli sulla mia vita privata in famiglia. L'ho fatto però con la sicurezza di non dover vivere sotto lo stesso tetto con loro, ma a 1100 km di distanza, e di avere una rete di supporto non indifferente, fatta di amici davvero speciali e - ognuno a modo proprio - sempre presenti.
E' stato facile? No. Avevo le mani che tremavano (e stringevo un volante. Ancora non ho capito come siamo sopravvissute senza portarci un pezzo del guard-rail dell'A6 a casa), speravo che l'adrenalina post-concerto del cantante preferito di mia madre le avesse lasciato endorfine sufficienti a attutire il colpo e - non ridete! - presa dal panico ho persino cercato di metterla sul ridere.
Lei, come se niente fosse, si è stretta nelle spalle e mi ha detto qualcosa sul genere "Ah, sì. Beh, lo immaginavo. Va bene. Ciao".
La fetente! Io sudavo freddo e lei se la ridacchiava sotto i baffi.

Ci riflettevo prima. Onestamente credo che il coming out più difficile, spesso, sia quello con noi stessi. Abbiamo idee quasi preconcette su quello che vogliamo da noi stessi, quello che vogliamo fare della nostra vita, quello che spesso pensiamo di dover essere. Una volta fatta pace con l'idea che tante volte è l'inaspettato a regalarci i momenti e le emozioni più belle, il gioco si fa un poco meno complesso. Solo un poco. In ogni caso, poi, vale sempre la pena di essere giocato. Fidatevi. ;-)

Vi lascio con un video *meraviglioso* fatto dall'Agedo per questa giornata speciale. Pure a me che ho ormai il cuore rinsecchito e petulante, ha strappato un sorriso commosso. Questi sono i genitori che ho avuto in dono, questo è il tipo di genitore che - se mai avessi un figlio - vorrei essere.



Commenti

Post popolari in questo blog

|| Expat - Life || Soffitti di vetro

Qualche tempo fa, a lavoro, è successa una cosa abbastanza triste. Un cliente, noto per essere particolarmente difficile e poco amato dall'intero staff, ha aspettato io andassi poco distante per posare un paio di tazze, prima di rivolgersi alla mia collega chiamandomi "die Ausländerin", ossia la straniera. In quattro anni abbondanti che abito qui, davvero, è stata la prima volta in cui qualcuno non mi ha chiamata per nome ma mi ha additata in quel modo. Pochi giorni dopo è successo una seconda volta: un cliente, evidentemente alticcio, mi ha additata dicendo che fosse lento a capire non per via dell'alcool che aveva trangugiato ma a causa del mio accento. Questi sono gli unici due casi in cui il mio non essere "autoctona" è stato additato quindi, rispetto a persone di colore o dai lineamenti non caucasici, posso ritenermi privilegiata. Probabilmente è stato a causa del fatto io sia arrivata in un posto che mi ha fatta subito sentire a casa, ma ho comunque …

|| Auf dem Weg || Free Spirit Ericeira

Donne che emigrano all'estero, oltre ad offrire una piattaforma a molte di noi, permette di creare tutta una serie di rapporti di amicizia e/o collaborazioni che hanno contribuito a renderci persone non solo culturalmente ricche ma, in qualche modo, ci ha avvicinati quasi facessimo tutti parte di una famiglia allargata. Per questo, oggi, mi piacerebbe parlarvi di Valentina, expat attualmente residente in Portogallo, e del suo ultimo successo: la Guest House Fruiee Spirit Ericeira.  Insomma, senza ulteriori indugi, le lascio la parola. Buona lettura!
Buongiorno Valentina, innanzitutto ti andrebbe di presentarti ai lettori di „Hopeless Wanderer“?
Buongiorno a tutti e grazie a te Samanta per avermi dedicato questo spazio. Sono umana, sognatrice e una curiosa viaggiatrice. Sono al mio secondo espatrio, vivo in Portogallo da circa un anno e da sei mesi in una località sulla costa atlantica: Ericeira, mecca del surf a 40 minuti da Lisbona. Ho aperto una piccola guest house, alla quale sto …

|| Expat-Life || Ogni riccio un capriccio

Chi di voi non ha sentito, almeno una volta, le parole "Eh, come dalla mia parrucchiera in Italia nessuno M-A-I"? Come se, al di fuori dello Stivale, girassero tutti con una parrucca per evitare di mostrare in pubblico lo stato in cui versano le loro fulgide chiome. Come tutte le realtà, in ogni caso, anche il mondo dei parrucchieri e dei centri estetici assume sfumature diverse e segue regole diverse rispetto allo stivale. Ecco, insomma, cinque cose delle quali tener conto prima di prenotare il vostro primo taglio di capelli all'estero. 

1. Trovare un parrucchiere che ci soddisfi è difficile, all'estero come in Italia, ergo non stupitevi se le prime due o tre volte non sarete soddisfatti del risultato. Capita. (A onor di cronaca: a me capitò anche un paio di volte in Italia. Fa parte del processo, suppongo.) 2. A volte farsi capire può risultare un po' difficili, nonostante una padronanza della lingua già molto buona. In questo caso può essere utile portarsi un p…