Passa ai contenuti principali

Wenn ich Dich gefunden hab bringst Du mich dann nach Haus

[Per il titolo i credit del caso vanno ai meravigliosi Kid Kopphausen e alla loro canzone "Wenn ich dich gefunden habe". Potete ascoltarla QUI]
[Le foto invece non sono mie ma gentile cortesia dell'Ufficio Turistico del Land. Tranne quella raffigurante me. Quella l'ha fatta un'amica. Danke dir  ♥]


Iniziamo con le presentazioni, politesse oblige…
Mi chiamo Samanta (Sam per gli amici), annata 1988, italiana di nascita e trapiantata all’estero come ormai – ahimè – va per la maggiore…
Non avevo nemmeno ancora la laurea magistrale in tasca quando ho deciso di partire. O – come direbbe mia madre – di partire per davvero. (No, non sono nuova a viaggi in solitaria, traslochi, vita raminga).

Con la scusa di scrivere la tesi, fare ricerca e cambiare un po’ aria, ho dato le dimissioni dal lavoro, impacchettato due valigie di vestiti e chiuso la porta del mio appartamento per immergermi in quella che – con l’adrenalina tipica di chi si tuffa di testa in ogni nuova avventura – avevo già definito “la mia avventura”.
Destinazione? Jena, Thüringen, Germania.
Non sapete dove si trova? Ebbene, non siete gli unici… In ormai quasi due anni che sono qui ho affrontato questa domanda una buona quantità di volte e – ogni volta – mi sono trovata a spiegare a gesti e a suon di “Presente dov’è Berlino? Ecco..no, non lì..” dove avevo deciso di insediarmi. Almeno per un po’ di tempo.


Il Thüringen – in italiano Turingia – è un piccolissimo Land della Germania centrale, ricco di paesaggi e suggestioni, ricco di storia – nonostante non se ne ricordi quasi mai nessuno – e soprattutto ricco di fascino.







Quando mi sono trasferita, ovviamente, non sapevo ancora tutto questo ma – forte dell’appoggio di un paio di amici – ormai avevo preso la mia decisione. Insomma, Turingia sia!
Forse è stata l’incoscienza, forse l’entusiasmo ma – credetemi – credo di essermi innamorata quasi subito della piccola cittadina che mi ha accolto. A un’anima nomade e inquieta come me non sembrava vero aver trovato un posto in cui tornare dopo un viaggio, un’escursione, un’avventura senza che questo posto si rivelasse l’ennesima prigione. Ho trovato un rifugio, un buen retiro e – forse forse – per qualche anno di ripartire non se ne parla più. Forse.





Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Elogio alla lentezza

Tutti abbiamo bisogno di dedicare qualche ora alla lentezza. Me ne sono ricordata oggi, mentre preparavo un ragù di lenticchie che - proprio come quello tradizionale - ha bisogno di tempo per assorbire i sapori e cuocere a dovere.  Me ne sono resa conto qualche giorno fa quando un cliente ha ordinato un espresso e lo ha bevuto letteralmente appoggiato al carrello porta-vassoi, perché non aveva tempo.  Me ne ricordo ogni volta che, dopo il lavoro, abbandono smartphone e tecnologia per dedicarmi a un libro oppure per godermi un bagno caldo.  Quando mi sono trasferita all'estero, presa dalla frenesia di capire che direzione volessi prendere, ho riempito ore intere di faccende a volte persino inutili. Ho corso anche quando avrei potuto camminare, ho annaspato quando invece avrei potuto respirare a pieni polmoni. Me ne rendo conto molto spesso, confrontandomi con tante persone diverse a lavoro o nel quotidiano: abbiamo questa paura irrazionale di non fare abbastanza, di non riempire l…