Passa ai contenuti principali

|| Pieces of me|| Dankbarkeit


(Dankbarkeit significa gratitudine, capacità di essere grati.)



Ho iniziato un diario della gratitudine - in inglese gratitude journal -. Detta così sembra l'ennesima trovata new age (che poi: esiste ancora il new age?! E che cos'è l'old age?) ma ne avevo sentito talmente tanto parlare che ho deciso di provare a vedere cosa ne sarebbe uscito. 
Ma facciamo un passo indietro...
Tendenzialmente sono una persona positiva, cerco di sorridere delle mille avventure e qualche volta sventure che mi accadono ma non mi ero mai soffermata a riflettere sul fatto il mio essere positiva spesso fosse una forzatura di défault. Mi spiego meglio: da piccola - per fare un esempio - mi si diceva sempre "ringrazia di aver qualcosa da mangiare, invece di lamentarti e dire che non ti piace", "pensa a chi non ce l'ha" oppure "ci sono bambini che farebbero i salti di gioia al tuo posto". Questo, in un modo o nell'altro mi ha portata a pensare di essere fortunata e di dover esser grata senza conoscere veramente il senso di quello in cui credevo così ciecamente. Insomma, ero piccola e fortunata...ma fortunata perché? 
Ci ho messo anni - tanti - a capire che la gratitudine è una scelta e che deve essere consapevole. Ho realizzato che scegliere di focalizzarsi su quello che ci fa stare bene è altresì un'opportunità e mi sono resa conto che farlo avrebbe potuto portarmi a fare un bel passo avanti alla scoperta di un'altra parte di me. 

Ho letto e leggo talmente tanti mémoires bellissimi di persone che soffrono eppure sorridono, di artisti che riescono a trovare l'ironico e/o il comico in situazioni altrimenti disperate, mi sono ritrovata di fronte ad anime lacerate eppur meravigliose. Insomma, il passo era breve... sono andata a fare la spesa e ho acquistato un piccolo quadernetto. Ironia della sorte: è rosa come i big bubble che andavano tanto di moda quando ero piccolina - e io sono nota per prediligere varie sfumature di nero - e gli ho incollato sopra uno sticker con un unicorno che ho ricevuto in dono a Natale. Da quel giorno ho iniziato ad alternare liste di cose che mi rendono felice e mi fanno dire grazie a citazioni che mi ispirano e mi ricordano che c'è tanta bellezza attorno a noi: da Kurt Vonnegut a Rohald Dahl passando per Attico. Ho iniziato e sto riuscendo a mantenere una costanza che - chi mi conosce lo sa - non mi contraddistingue proprio sempre, ritrovandomi a sorridere persino delle cretinate (leggasi: frittelle alle erbe aromatiche venute particolarmente bene). Ritrovandomi a sorridere talmente tanto che ogni tanto - come ho detto sabato a un'amica - mi fa male la faccia e no...non è un ictus ;-)
Che ne dite di provare anche voi?

Credits: Dawanda || TRADUZIONE: e ogni volta che ridiamo un problema muore

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…