Passa ai contenuti principali

|| Auf dem Weg || || How to|| Lisbona on a budget

Uno scorcio di Lisbona

Un mese fa mi sono concessa cinque giorni di riposo e svago a Lisbona. 
Ho prenotato un posto letto in un ostello delizioso e mi sono armata di crema solare, macchina fotografica e buoni propositi prima di mettermi alla scoperta di questa deliziosa cittadina.
Come vi ho accennato in un post precedente, mantenere un low budget durante le vacanze è possibile e questo non significa ASSOLUTAMENTE rinunciare a giornate all'insegna dello svago e delle cose che più ci piacciono. Significa semplicemente non eccedere, non farsi prendere dalla frenesia delle vacanze e concentrarsi sulle piccole cose che ci fanno stare bene sul serio. Il più delle volte - manco a dirlo - queste cose non si comprano. ;-)
Ecco, di seguito, un paio di accortezze che ho scelto di seguire per rimanere nel budget che mi ero prefissata.
  • Vedere Lisbona dall'alto regala scorci e viste mozzafiato e ci permette di capire un po' meglio come si è sviluppata la città nel corso dei secoli. Un buon modo è salire sulla passerella dell'Elevador di Santa Justa e guardarsi intorno: da un lato troverete il fiume che bagna la città e dall'altro la collina con le sue millemila case e palazzine. Ma perchè spendere 5,00€ per salire su un ascensore ed arrivare alla piattaforma, quando per arrivare alla stessa vi basterà fare un paio di passi - in salita, okay - e pagare solamente 1,50€?! Peraltro, per arrivare alla piattaforma potete scegliere di passare per una serie di piccole piazzette in cui a farla da padrone sono chioschi, musicanti di strada e scorci da cartolina.
    La torre di Bélem
  • Prendere l'autobus oppure uno shuttle per arrivare in centro vi costerà molto meno che prendere un taxi. La tratta in autobus costa meno di 2,00€ e lo shuttle 3,50€. (Attenzione! Ci sono anche autobus notturni che si fermano davanti all'aeroporto e che viaggiano sino alle 5 del mattino)
  • Allo stesso modo, spesso muoversi a piedi può rendere le cose non solo un poco più economiche ma in qualche modo anche speciali. Un esempio? Dalla Piazza del Commercio a Bélen si arriva - volendo - anche costeggiando la sponda del fiume. Si tratta di una passeggiata di una mezz'oretta (con l'autobus o il tram ci si mette poco meno) che vi permetterà - con un po' di fortuna - di imbattervi in uno dei graziosi mercatini che la città offre.
  • Informatevi presso il vostro ostello sulla presenza di tour guidati della città e/o dei dintorni: sono abbordabilissimi e permettono di scoprire scorci e paesaggi con occhi nuovi. Pagando circa 30,00€ - ad esempio - ho avuto la possibilità di visitare Sintra, fare una degustazione di Porto e prodotti tipici, vedere un castello da fiaba che altrimenti sarebbe quasi impossibile da raggiungere (La Regaleira si trova su una collina), arrivare a Cabo da Roca (ossia il punto più a ovest dell'Europa continentale) e da lì tornare a Lisbona seguendo l'oceano e passando per Cascais e Estoril. Il tutto con una guida che ha spiegato tutto in inglese e ci ha scarrozzati in lungo e in largo con il suo van.
    Avessi fatto tutto da sola, comprese degustazione e macchina a noleggio (Cabo da Roca non ha una stazione vicina), di certo avrei speso molto di più.
    Cascais
  • Se siete interessati a visitare musei e/o monumenti all'interno controllate se esiste la possibilità di acquistare un combi-ticket oppure un pass. Risparmierete qualche euro che potrete investire in qualche altro modo o - volendo ;-) - mettere da parte.
  • Curiosate su Pinterest. Spesso ci sono articoli pieni di buoni consigli per godervi una vacanza low budget in una determinata città.
Come avrete notato queste sono solo alcune delle millemila accortezze che ci permettono di svagarci in vacanza senza martoriare le nostre finanze. Il segreto di base, però, rimane lo stesso: chiudete gli occhi, respirate a pieni polmoni e sorridete perché in quel momento siete esattamente dove desiderate essere. Certe cose - nemmeno a dirlo - non hanno prezzo.

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…