Passa ai contenuti principali

|| How to || - || Hopeless Wanderer || : The Circus Hostel

Attenzione! Questo post non è in alcun modo "sponsorizzato" o scritto perché io ne ricavo qualcosa. Nella giungla delle sistemazioni che Berlino può offrire ho trovato una buona soluzione e condividerla ha il solo scopo di "offrire un'alternativa" a chi di norma si rassegna ad un ostello in mezzo a Kreuzberg o all'Ibis Hotel più vicino.

Questo week-end mi sono recata a Berlino con un'amica per il concerto di The XX, con tutta l'intenzione di godermi la band live, passeggiare un poco e rilassarmi dopo un paio di settimane di fuoco... L'amica che era con me si è occupata di prenotarci una sistemazione (a onore del vero ero sua ospite, ma questa è un'altra storia) e - devo ammetterlo - ha scelto un Ostello delizioso in pieno centro che offre camere, appartamenti e tutta una serie di confort che hanno reso il nostro soggiorno decisamente piacevole.

Un post condiviso da The Circus Berlin (@circus_berlin) in data:


The Circus Hostel si trova in Rosenthaler Platz che per chi non lo sapesse è una piazza del centro città, a due fermate di metropolitana da Alexanderplatz. Oltre ad avere una fermata al lato opposto della strada, la posizione permette di passare un pomeriggio a passeggiare tra negozi più o meno ricercati (da American Apparel, passando per Vagabond e boutique dall'aria decisamente Berlin-chic) ma consente anche di immergersi quasi subito nei giri turistici che caratterizzano chi di massima visita la capitale durante le vacanze.

Cosa offre, di tanto speciale? Oltre alla posizione, al design moderno ma non scontato o wannabe cool e a una selezione di colazioni dai prezzi decisamente convenienti (la più cara, ossia il buffet, costa 5,00€), l'Hostel ha una sala nel piano interrato che ospita una birreria dove servono birra prodotta da loro (e ogni ospite riceve un buono per degustarne un bicchiere), dipendenti gentili e disponibili (fidatevi: soprattutto negli hostel in centro spesso ti tirano addosso le lenzuola), pulizia, un'atmosfera calorosa e alla mano senza perdere quel tocco di originalità e coolness che lo rende meta prediletta di giovani e meno giovani.

Si tratta di una soluzione economicamente vantaggiosa? Una volta avrei detto "no", ora mi limito a un "dipende". Mi spiego meglio: voleste trascorrere un paio di giorni a Berlino mentre vi trovate a viaggiare per l'Europa..beh, forse potreste optare per una soluzione più economica ma se decidete di trascorrere un fine settimana a Berlino per regalarvi un paio di giorni di relax, magari un concerto (ahem..) o una mostra o ancora una rappresentazione teatrale beh... io valuterei l'opzione. ;-)
Sono la prima che ha prenotato uno degli ostelli più economici che Lisbona ha da offrire ma questo perché so che vi trascorrerò solo le notti dopo aver scoperto, girovagato, esplorato, fotografato. Nel caso di un paio di giorni di relax, mi piace concedermi una coccola ogni tanto.

Insomma: se avete amici in procinto di venirvi a trovare in quel di Berlino o se decidete di trascorrervi qualche giorno fateci un pensiero..non ve ne pentirete..! Parola di Hopeless Wanderer ;-)

The Circus Hostel: Pagina Web

Commenti

  1. Bell'articolo! Sarei interessata a contattarLa via e-mail. Se vuole, mi ricontatti all'indirizzo flaviar@bab.la:
    Grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…