Passa ai contenuti principali

||Expat-Life|| - ||How to|| L'Anmeldung..ma che cos'é?

Ogni volta che parlerete con una persona attualmente residente in Germania e utilizzerete il tanto temuto termine Anmeldung - credetemi - lo vedrete tremare leggermente... ma di che sto parlando?
L'Anmeldung é - detta in soldoni - la pratica di registrare la residenza in Germania e va fatta per chiunque decida di soggiornarvi per un periodo superiore alle due settimane. Anche nel caso degli studenti Erasmus. Ecco, quindi, un paio di cose che occorrerebbe sapere prima di avventurarsi in questa piccola giungla fatta di nomi, numeri e documenti da compilare.. :)

Chi se ne occupa? 
L'ufficio che si occupa dell'Anmeldung prende il nome di Bürgeramt o Bürger-Service.
Cosa occorre fare?
Dal 1 novembre 2015 occorre presentare - insieme al documento d'identità e al classico foglio compilato, ossia l'Anmeldung bei der Meldebehörde- un documento firmato e compilato dal padrone di casa che prende il nome di Auszugsbestätigung des Wohnungsgeber (Vermieter). Tale documento conterrà tutti i dati relativi al vostro contratto d'affitto, oltre ai vostri e a quelli del padrone di casa.
Sul sito internet di ogni Bürgeramt si dovrebbero poter trovare i moduli da stampare e poter consegnare già compilati. Se il tedesco non è il vostro forte e la paura di fare un qualche pasticcio vi assale, vi basterà dare un'occhiata ad esempio qui, come consigliato dal gentilissimo Team di Berlino Cacio e Pepe.
Ma basta presentarsi lì con i fogli...?
Come direbbero i tedeschi schön wär's ossia "magari". Vista l'alta richiesta di questo servizio è ora necessario prenotarsi on-line e sperare vi sia posto entro le vostre prime due settimane di soggiorno, altrimenti potrebbero storcere il naso... un consiglio potrebbe essere, nel caso partiste con la sicurezza di una camera/un alloggio, quello di procedere alla prenotazione on-line già dall'Italia.
Le code sono altrimenti ingestibili, persino nei comuni più piccoli e un'alternativa al momento non esiste. (Inciso: fare la coda di due ore nonostante siate arrivati con mezz'ora di anticipo rispetto all'orario di apertura è peggio. Soprattutto d'inverno.)
Un'altra buona prerogativa sarebbe quella di sapersi districare un poco con la lingua tedesca o - nel caso non siate ancora sicuri del vostro tedesco parlato - di portare qualcuno con voi che faccia da interprete in caso di bisogno.. gli impiegati sono raramente scortesi ma alla decima persona che non riesce a farsi capire possono perdere un poco la loro tedeschissima allure.. ;-)

Importante..! Si tratta di un foglio che vi verrà richiesto spesso e volentieri - lavoro, assicurazione sanitaria, iscrizioni varie... - ergo sarebbe buona norma e regola conservarne una copia nel portafoglio e custodire gelosamente l'originale a casa..anche perchè dopo tutte le fatica fatta per anmeldarsi chi ve lo fa fare di dover rifare tutto da capo... ? ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…