|| Auf dem Weg || Stockholm: nel blu dipinto di blu

Stoccolma è una città strana: una delle capitali più piccole ma allo stesso tempo internazionali che mi sia mai capitato di visitare.
Stoccolma mi ha ricordato Amburgo, con le sue case in mattoni scuri come nella Speicherstadt, con le sue costruzioni lungo il porto che sembrano proprio quelle del Fischmarkt quando le vedi dal tragetto che porta a Finkenwerder. Mi ha sorpreso, esattamente come la Perle perchè l'acqua ti stupisce all'improvviso e - esattamente come Oslo - è estremamente blu e il sole vi si posa creando giochi di luce che sono difficili da descrivere a parole.


Stoccolma ha stradine strette e in salita, che si aprono su piccoli angoli tutti da scoprire, dove ogni piccolo dettaglio fa sorridere e in qualche modo intenerisce... persino gli enormi vasi di Nutella che hanno fatto la gioia della mia compagna di avventure.. ;-) Ci sono negozietti adorabili, piccoli gioielli di manifattura che regalano un contrasto interessante se messi di fianco ai classici negozi di souvenir e cartoline.. che poi a che servono le cartoline quando ogni scorcio è un panorama da fotografia..?
Stoccolma racchiude in sé anche tanta storia e ce n'è davvero per tutti i gusti... i più piccoli possono immergersi nelle storie di Ingrid Lindgren a bordo di un trenino mentre gli adulti possono perdersi di fronte all'immensità della nave Vasa, un capolavoro di legno che - ahimè - affondò dopo nemmeno venti minuti in mare.. e non era nemmeno al largo! E che dire dell'Abba Museum? Una piccola isola dove il concetto di trash non esiste, dove poter ballare e cantare senza che ci sia un domani e senza il minimo pudore..? Insomma, quando il vento è troppo freddo e le passeggiate all'aperto poco realizzabili beh.. le opzioni non ci sono mancate!
Stoccolma è colorata come non mi sarei aspettata, mi ha lasciata con un sorriso sulle labbra e tanta voglia di ripartire quando prima (inciso: parto giovedì per un weekend dai miei. Della serie: finché possiamo, andiamo!) e mi sono ripromessa di tornarci quanto prima... insomma: passi che non mi sono ingozzata di cioccolata quanto avrei voluto ma non sono riuscita ad assaggiare i panini allo zafferano di cui avevo sentito tanto parlare e questo - amici miei - non va per niente bene!





Commenti

Post più popolari