Passa ai contenuti principali

||How to || Voglio andare a vivere in campagna...

Una delle prime cose che ho notato, una volta trasferitami in Germania, è che tantissime persone non hanno la patente. Probabilmente perché sono abituati a fare anche 5 km per volta in bicicletta per andare al lavoro, forse perché hanno un sistema di trasporti che funziona in maniera abbastanza efficiente (esistono i ritardi, come capitano i vagoni sovraffollati nelle ore di punta, per l'amore del Cielo, ma il sistema funziona) ed è abbastanza abbordabile, in quanto a prezzi... fatto sta che alcuni miei amici dall'alto dei loro 30-35 anni non hanno la patente e non ne risentono.
Venendo da un paesino di mille anime avere la patente quanto prima era innanzitutto una necessità. Significava poter prendere in prestito la macchina dei miei e raggiungere gli amici la sera, andare da sola alle visite mediche (che dopo i 16 anni farsi accompagnare a far le analisi del sangue è triste..), poter andare a colloqui di lavoro e via discorrendo. Non significa solo libertà quanto anche autonomia e quel briciolo di indipendenza che a un certo punto ci aiuta anche a diventare adulti più consapevoli. Come tutte le cose, evidentemente, anche la patente ha una scadenza e va rinnovata ma trovandovi in Germania come occorre fare?
Avendo il domicilio qui e non volendo dedicare una settimana di ferie alle varie trafile dell'autoscuola italiana ho percorso la via consigliatami da alcuni amici: ho trasformato la mia patente Europea-Italiana in una patente Europea-Tedesca. Detta così sembra una cosa complicatissima ma - credetemi - basta un po' di pazienza, una mattinata libera e..zac! Ciao ciao patente italiana...
Una premessa: la patente non deve ancora essere scaduta.
Cosa vi occorre?
- La patente italiana
- Una foto biometrica (io ne ho avanzate tre da quando ho fatto il passaporto ergo a breve avrò anche sulla patente una foto in cui sembro Joker)
- Un documento di identità
- L'Anmeldung che certifichi dove abitate (io risultavo registrata con tutti i crismi e non l'hanno voluta, ma in alcuni casi so che la chiedono)
Dove dovete recarvi?
L'ufficio del Bürgerservice che si occupa di queste cose si chiama Fahrerlaubnisbehörde. Vi recate lì con le vostre cose - se vi trovate in una città medio-grande conviene prendere appuntamento online - e attendete il vostro turno. Una volta accomodati basterà spiegare - in parole semplici! Sto scoprendo che negli uffici statali la strategia da adottare è appunto questa: usare parole semplici e concise! - la vostra situazione, consegnare foto e documenti (in modo che questi vengano fotocopiati) e pagare la modica cifra di 35,00€. (In alcuni Bundesländer il prezzo potrebbe variare leggermente)
Vi verrà consegnata una ricevuta che dovrete presentare all'accettazione da lì a 3-4 settimane (per i centri grossi mi è stato detto 4-6 settimane) per ritirare la vostra nuova patente. La vecchia la lascerete all'accettazione al momento del ritiro, in modo che venga rispedita in Italia con una lettera che attesta che attualmente siete in possesso di un patente Europea-Tedesca. Semplice, no?
E la volete sapere una cosa? Con la patente tedesca si possono anche guidare i piccoli trattori..insomma, volessi percorrere la via agreste avrei un paio di marce in più...già mi vedo in sella a un trattore a cantare "Voglio andare a vivere in campagna"...

Piccola nota di servizio: mi sono finalmente decisa ad aprire una pagina Facebook che ospiterà i contenuti di Hopeless Wanderer, magari qualche foto random e qualche articolo interessante. Che ne dite di cliccare "Mi piace"? ;-)

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…