Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || Alles wird gut

Spesso mi capita di incontrare persone che come me hanno deciso di espatriare qua e la prima cosa di cui mi parlano è la brillante e fulgida carriera che hanno intrapreso. I più arditi dicono persino quanto guadagnano, investono e spendono senza nemmeno chiedersi se la cosa mi interessi. (Inciso: no)
Non fraintendetemi: sono la prima ad apprezzare una persona che ama quello che fa e che lo fa bene, ma trovo non ci sia differenza tra un panettiere e il CEO dell'ultima start-up che si è imposta sul mercato... probabilmente perché non do troppo valore al conto in banca (pur risparmiando, togliendomi i miei sfizi, viaggiando) e preferisco le persone con il cuore pieno e le tasche vuote agli arricchiti della domenica.
Tutta questa premessa per parlarvi di uno degli aspetti che più amo del mio espatrio cioè la rete di amicizie che ho stretto qui, ognuna diversa dalle altre, ognuna che va curata a modo suo. Perché - intendiamoci - avere delle amicizie che durino nel tempo e che non ci lascino mai la sensazione addosso di essere a disagio richiede lavoro. Un sacco. E dedizione. Una montagna di dedizione.
Ed è con questo spirito, oltre al fatto che l'idea di far star bene chi amo fa star bene anche me, che mi sono data all'ennesimo DIY e ho composto un care-Paket per un'amica, con dentro qualche cosa che la faccia sorridere o semplicemente le regali una mezz'ora piacevole.
Ho preso un barattolo di vetro da un chilo (i classici Bormioli Rocco, per intenderci), l'ho decorato con un fiocco e dentro ho messo alcune cose che so le possano far piacere:
1 pacchetto di orsetti gommosi & 1  bustina monodose
1 barretta di cioccolato al caffè
1 candela profumata
2 mandala da colorare
3 bustine di the all'ibisco
A questo poi aggiungerò una nota simpatica, magari una citazione da una poesia e consegnerò il pensierino al destinatario.
Perché?
Perché mi piace l'idea di poterci essere - in qualche modo - anche quando fisicamente sono distante, perché avere qualcuno accanto fa stare bene, perché ci sono abbracci non dati che senti addosso e - chissà come mai - non finiscono mai.

Morale della favola? Abbracciate chi amate, dite loro che li amate e ringraziate del fatto vi amino. Tutto il resto - manco a dirlo - è fuffa.

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…