Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || A Natale puoi


Ho appena realizzato che questo sarà il quarto Natale che festeggerò lontano dalla mia famiglia. Un po' per necessità e un po' anche per scelta, anche a sto giro mi accontenterò di un augurio sussurrato al telefono e di un piatto di pasta veloce o - come l'anno scorso - di un panino per strada mentre mi accingevo a scoprire l'ennesima cittadina che non avevo ancora scoperto a dovere. Non so ancora bene che farò, dovendo lavorare il 26/12 dalle 9:00 alle 17:00 con 40 turisti tedeschi ma sicuramente cercherò di godermi al meglio la giornata... fosse anche solo con una vasca da bagno piena di bolle, un paio di candele e un dolcino come si deve...
In onore di tutti quelli che come me non trascorreranno il Natale con la famiglia ho deciso di stilare una piccola lista di cose da fare per goderci al massimo la giornata...


oO°The HopelessWanderer Xmas Master-List°Oo

     ▭ cucinare uno dei vostri piatti preferiti
     ▭ guardare un film di Natale o una commedia
     ▭ invitare a cena qualche amico
     ▭ farsi invitare a cena da qualche amico
     ▭ godersi un bagno pieno di bolle, candele, musica
     ▭ visitare una città nuova
     ▭ regalare il proprio tempo
     ▭ fare volontariato
     ▭ chiamare un amico su skype e condividere così il Natale
    ▭ ballare per l'appartamento quella musica trash che si riserva ai momenti speciali. Il tutto, ovviamente, in mutande


La lista è - ovviamente - un Work in Progress e andrebbe adattata alle esigenze e alle possibilità di ognuno. La morale, però, è sempre la stessa: coccolatevi, fatevi coccolare, sorridete, rilassatevi, respirate a pieni polmoni e state bene. Ovunque vi troviate, qualsiasi cosa facciate, chiunque voi siate ne sono certa: ve lo meritate.

Commenti

  1. Io non sono expat, nel senso che non vivo all'estero, ma vivo comunque lontana 1000 km dalla mia famiglia.
    Quest'anno non festeggerò Natale con loro e non è nemmeno il primo perchè per noi, spesso e volentieri, il Natale è lavorativo (di norma, un Natale libero ogni 4 anni x Fidanzato, uno ogni 2/3 per me, si fa a turno a lavoro).
    A volte il mio Natale libero non è coinciso con quello del Fidanzato (e viceversa) e ho mangiato un panino al volo.
    Ma amen, va bene così.
    Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Onestamente il non passare il Natale con la famiglia non mi ha mai pesato così tanto, forse perché preferisco approfittare dei momenti liberi per prendere un aereo al volo e far loro una sorpresa..forse perché le feste comandate sono sempre state un po' troppo *comandate* per i miei gusti...però mi piace la tua filosofia "va bene così": ho sempre creduto che il saper fare di necessità non solo virtu' ma anche un punto di forza sia una gran cosa :D
      Buona giornata e un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…