Passa ai contenuti principali

DIY-Adventskalender e gratitudine

In un mio recente post su "Donne che emigrano all'Estero" ho parlato degli Adventskalender che ho confezionato per alcuni amici e per la mia famiglia e che ieri sono finalmente riuscita a spedire.
Si è trattato di uno dei miei millemila progetti DIY e - visto e considerato *quanto* possa essere dispendioso far regali e/o pensierini di Natale - mi sono detta che condividere la mia esperienza potesse essere un buon modo per dimostrare che un budget limitato non ci impedisce in alcun modo di regalare attimi di gioia a chi amiamo.
(Inciso: alla fine io sono andata un po' fuoribordo e ho speso un pelo più del necessario ma - ripeto - si possono creare idee simpatiche anche senza spendere un capitale)
Cosa ci occorre?
Sacchetti di carta (in alternativa: giornali e nastro adesivo)
Un paio di penne, pennarelli e/o evidenziatori
Cioccolatini
Bustine di the
Segnalibri
Figurine per l'albero di Natale
Maschere per il viso
Flaconcini con creme e/o profumi
Fotografie di momenti passati insieme
Creatività

Come occorre procedere?
Semplice! Selezionare 24 piccoli pensierini e confezionarli, scivendo poi i numeri da 1 a 24 sulla bustina/pacchettino. Infilarli tutti in una scatola (opppure una busta di carta - magari decorata a mano..! -, una sacca di tela... le possibilità sono infinite..!) e scrivere una piccola nota da allegare al pacco.

Perché ho fatto una cosa del genere invece di acquistare un Adventskalender già confezionato, pieno di cioccolatini e campioncini accattivanti? Perché volevo regalare ai miei cari piccoli frammenti di noi, non l'ultimo prodotto trovato da Douglas o l'ultima trovata della Ferrero (o della Haribo).. perché volevo farli sorridere e ridacchiare delle nostre piccole manie, perché volevo avessero qualcosa da regalare a loro volta (ho inserito vecchissime formine per i biscotti che avevo ricevuto a mia volta in dono), in una piccola catena di gratitudine che - al solo pensiero - mi scalda ancora il cuore.

Insomma...che aspettate a mettervi anche voi all'opera? ;-)


Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…