Passa ai contenuti principali

Hartz IV e reddito di cittadinanza: alcune precisazioni


Ormai più di un mese fa mi è capitato di partecipare alla registrazione di una puntata di Spunti di vista per Radio 24, il cui tema era il cosiddetto “Reddito di cittadinanza”.
Dopo aver parlato del fatto il reddito di cittadinanza esista solo come concetto astratto in tutti i Paesi d'Europa e sia quindi realizzato con varie forme di sussidio, mi è stato chiesto di parlare dell’Hartz IV e di come funziona in Germania. In accordo con Katia, poi, ho scritto un articolo per DONNE CHE EMIGRANO ALL’ESTERO dove ho spiegato di cosa si tratta e come funziona.
(Inciso: DCEE è un bellissimo sito contenitore, dove si alternano post informativi, post più intimi e recensioni dell'Autrice Emma Fenu e tanto altro... insomma: merita dargli un'occhiata!)
La risposta del pubblico è stata curiosa, lo ammetto.
Ho ricevuto personalmente tutta una serie di ringraziamenti per il post informativo che ho redatto per il sito, sono stata contattata (anche in privato) dopo che l'intervista è  andata in onda, ho ricevuto alcuni arricchimenti o informazioni di carattere più politico e ci sono state delle critiche quantomeno curiose in merito al fatto non sia uno stipendio e l'affitto non sia sempre coperto e blah blah blah...
Qui, insomma, mi permetto di rispondere a un paio di osservazioni.
L'Hartz IV non è uno stipendio. Uno stipendio prevede un lavoro, nel caso una persona non lavori, questa può ricevere la disoccupazione (se gli spetta) oppure l'Hartz IV che è - appunto - un sussidio. Tutto questo, naturalmente, se rispetta una serie di regole e fornisce la documentazione richiesta.
Il Wohngeld non corrisponde necessariamente all'importo dell'affitto: ci sono delle tabelle con metrature, valori catastali, soldi ect.. Non si può vivere in un loft e pretendere di ricevere i soldi dell'affitto, ma si può provvedere a cambiare casa e in questo caso c'è la possibilità di richiedere consulenze e preventivi.
L'Hartz IV non è un'isola felice, un materasso morbido sul quale buttarsi... spesso leggo di persone che appena arrivate, senza nemmeno informarsi se esistano o meno versioni nostrane del collocamento, chiedono a quanto ammonta il sussidio che spetta loro. Mi piacerebbe fosse chiaro che il fatto uno Stato sia dalla parte dei cittadini, li tuteli e li sostenga non significa che di questa mano tesa occorra approfittare a man bassa.
Come direbbe mia mamma...
Solo perché ti viene data una mano non significa necessariamente che tu debba prendere tutto il braccio.

Esistono naturalmente tutta una serie di situazioni difficili ma trasferirsi in un Paese con il solo intento di riceverne i sussidi, sbuffando peraltro quando si viene a conoscenza di regole e parametri che regolano l'erogazione di questi ultimi significa sputare letteralmente addosso a chi parte con la voglia di farcela e di impegnarsi. Ho visto persone vivere in condizioni precarie, spesso essere protagoniste di situazioni quantomeno pericolose, riuscire ad avvicinarsi a questi sussidi con l'aiuto degli intermediari del Job Center e iniziare lentamente a ricostruirsi una vita. Conosco persone che lavorano a chiamata e altrimenti non riuscirebbero a vivere in maniera dignitosa... per loro dico grazie e allo stesso tempo non posso non condannare chi invece se ne approfitta pensando si tratti della borsa sempre aperta dello Zio d'America...
Tutti vorremmo vivere in un mondo ideale, in cui venire pagati per non far nulla è la norma, ma non è così... Gli aiuti sono sacrosanti e il fatto esistano spesso ci da anche il coraggio necessario a fare quel salto, a realizzare quel sogno, a imbarcarsi in quella nuova avventura. Ed è proprio per una forma di rispetto per coloro che ne sono coscienti e li utilizzano con coscienza che dovremmo avvicinarci a certi sussidi con quanto più rispetto - anche per gli altri! - possibile.






Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…