Passa ai contenuti principali

Di expat detrattori e altre storie



Pensare di arrivare in Germania senza conoscenze linguistiche, senza titoli di studio ma con molte pretese (posto di lavoro invidiabile, stipendio da favola, affitto pagato e un massaggio ai piedi ogni sera) porta a un solo risultato: un fallimento totale.
Mi permetto di iniziare con queste parole tratte da un articolo che potete leggere su "La mia vita in valigia" per parlarvi di un tema che mi sta molto a cuore: gli expat-detrattori.
Non solo quelli che vogliono scoraggiare chi parte ma anche chi è già partito e continua a sputare nel piatto dove sta mangiando. Probabilmente perché non amo questo genere di atteggiamento a priori ma sentir parlare di "mangia patate", "maledetti crucchi" e "tedeschi dimmerda" mi fa saltare l'embolo. Inciso: non sopporto nemmeno chi ne critica il modo di mangiare..come si suol dire: ognuno è padrone a casa propria.
Proprio oggi è stato pubblicato un mio articolo sull'Hartz IV e sul sussidio sociale in Germania e la risposta di una lettrice è stata "ma andare a lavorare?" mentre un altro personaggio ha iniziato a farneticare su chi paghi questi sussidi (risposta: chiunque paghi le tasse) e mi sorge il sospetto volesse semplicemente agitare gli animi alla "Rivolta contro il governo ladro".
Sarò cruda: se non vi piace il posto in cui state andatevene. Lo dico sempre, l'ho detto a una delle mie più care amiche anche se so che il saperla distante mi ucciderà. Lo dico perchè trovo rivoltante l'atteggiamento di chi sputa nel piatto dove mangia e incoraggia gli altri a fare altrettanto. 
Allo stesso modo, se qualcuno vi dice di non partire nemmeno perchè non ne vale la pena non ascoltatelo: informatevi da fonti oggettive (statistiche, siti ufficiali ect) e da persone affidabili. Poi fate una cosa IMPORTANTISSIMA: seguite il vostro cuore (o le vostre viscere, come direbbero gli inglesi). Al massimo, se siete incerti, sondate prima il terreno. Prenotatevi un ostelle, un Air B&B o che so io per due settimane... candidatevi e state a vedere cosa succede.. ma non ascoltate chi vi racconta solo il male o solo il bene di un posto. MAI.

Commenti

  1. Anche perchè è tutto talmente soggettivo che ascoltare gli altri ha senso fino ad un certo punto :)

    RispondiElimina
  2. Anche perchè è tutto talmente soggettivo che ascoltare gli altri ha senso fino ad un certo punto :)

    RispondiElimina
  3. Grazie per aver citato il mio articolo!
    Concordo con te in ogni parola, brava Samanta!
    Un abbraccio :-)

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…