Passa ai contenuti principali

|| Critiche Letterarie || In memoria di Elie Wiesel e della sua memoria

Prima di ieri sera, l'ultima volta che ho letto il nome "Elie Wiesel" è stato il giorno di Pasqua a Buchenwald. La prima volta che invece mi sono avvicinata all'autore avevo 14 anni, una professoressa di Letteratura Italiana con un taglio à la casco di banane e un libro tra le mani di cui non sapevo nulla. Ecco, l'averci fatto leggere "La lingua salvata" fuori contesto forse non ha aiutato a farcelo apprezzare, a suo tempo...

A più di dieci anni da quel giorno, quando in una giornata grigia e fredda abbiamo dovuto macinare 40 minuti di macchina per comprare quel tomo beige edito Adelphi, la morte di Wiesel mi spaventa.
Di fronte a movimenti nazionalisti che si fanno sempre più pericolosi, mi chiedo che valore sarà dato alla sua memoria e ai suoi racconti, quando non sarà più lui a condividerli. Quanto dovremo ancora andare avanti, prima di renderci conto del pericolo che siamo gli uni per gli altri? Quanta gente deve ancora morire, prima che ci si renda conto che supremazia è semplicemente un sinonimo di morte, dolore, sofferenza?
Ormai siamo costretti a scendere in strada per combattere per un'uguaglianza che passi anche per la tolleranza, siamo obbligati a combattere perché non ci venga tolto il diritto di essere tutti uguali, di chiamarci fratelli. E di fronte alle celeberrime parole di Primo Levi, memore degli insegnamenti di Wiesel, non mi resta altro che il silenzio. E questa pelle d'oca che non se ne vuole andare.

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…