Passa ai contenuti principali

|| Weniger ist mehr || Il mio minimalismo



Oramai sempre più persone - dai guru del life-style a imprenditori sino a blogger e vlogger - parlano di minimalismo ma molto spesso chi ne legge tende ad associarlo con due cose che non hanno nulla a che fare con questo modo di pensare e vedere le cose: la privazione e il sacrificio.

Alcuni dicono che per essere un vero minimalista occorra possedere al massimo cento oggetti, tutto incluso ma - come sempre in questi casi - la verità è che ognuno  può - meglio: deve! - avere la possibilità di applicare questo stile di vita alla propria esistenza come meglio crede.
Ad ogni modo, una buona pagina con la quale iniziare a capire per bene di cosa si tratta può essere Becoming a minimalist. Se siete interessati o anche solo curiosi beh... dateci un'occhiata! :D

Per quanto riguarda la mia esperienza inizio con il dirvi che ogni volta che visito la mia famiglia in Italia ho la sensazione di soffocare a causa di tutto quello che avevo intorno a me, nel mio appartamento... piatti e bicchieri superflui, cose che non ho mai veramente utilizzato e altre che ho ricevuto in regalo e poi messo a parte, senza chiedermi se fosse invece il caso di regalarle... Ecco, fra una settimana parto per il matrimonio della mia migliore amica e beh... credo che spenderò una giornata buona a fare un po' di decluttering, sperando di venirne prima o poi veramente a capo. Voglio chiedere se posso donare - almeno! - i vestiti che non metto più (mi sono sicuramente diventati grossi) e sentire se c'è un'associazione che si occupa di dare asilo a rifugiati e/o persone bisognose che possa prendere qualcosa. Sarà un lavoraccio ma ne varrà la pena.

Perché? Si tratta di una domanda che mi viene posta spessissimo, alla quale rispondo sempre con quella che per tanti è una frase fatta ma che per me è una piccola massima alla quale cerco di attenermi il più possibile: perché voglio possedere ogni oggetto di cui dispongo, senza farmene possedere. L'espatrio mi ha regalato tante piccole lezioni di vita (potete leggerne qui e qui) tra le quali il valore del partire leggeri, a livello mentale e non solo. Ora organizzo viaggi di media lunghezza armata di uno zaino da 15lt e non perdo un colpo, riesco a vestirmi in maniera ordinata e presentabile avendo a disposizione 1/5 dei vestiti che avevo in Italia e cerco di non accumulare cose che non mi servono o che non utilizzo. E sono felice, mi sento libera e non soffocare da cose più grandi di me.

Citando Tiziano Terzani, i viaggi non servono a nulla se ciò da cui si vuole scappare siamo noi stessi e beh... io sto cercando di plasmarmi in modo da poter apprezzare la persona che incontro ogni volta che mi guardo allo specchio e il minimalismo è una grossa parte di tutto questo. Il fatto, poi, tanti mi prendano per pazza o per visionaria beh... ormai non mi tange più. Preferisco essere una pazza visionaria un po' hippie e tanto felice alla persona che ero qualche anno fa. A conti fatti, la mia felicità è proprio una di quelle cose che non si misurano in base a quello che ho, bensì a quello che sono ergo direi di aver intrapreso la strada giusta.
Perlomeno per me.
E voi? Minimalismo sì o minimalismo no? Fatemi sapere!!!

Commenti

  1. Spesso ho avuto anche io la sensazione di viaggiare per fuggire da me stessa. Paradossalmente (o forse no?) questo pensiero in qualche occasione mi ha spinta a rimanere. Adesso che sono rimasta a lungo ho proprio bisogno di essenzialità, infatti anche io sto facendo piazza pulita di tutto quello che è superfluo. Ho la sensazione che mi farà bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenut*!
      Una volta ritrovati noi stessi ripartire dall'essenziale é sicuramente un'ottima idea! :) Sono certa che l'essere circondat* dalle cose che veramente ami ti farà bene.
      Un abbraccio e a presto!

      Elimina
  2. I miei numerosi traslochi sono stati un'importante lezione di vita sull'accumulo seriale di oggetti inutile. Sono sempre stata un'amante delle sessioni di de-cluttering, le trovo esperienze molto catartiche. Ho iniziato a prendere libri in prestito dall biblioteca per evitare di accumularne in quantita' infinita (nel Regno Unito costano molto poco e la tentazione c'e') e per sostenere un servizio pubblico che reputo segno di una societa' civile. Ho portato buste su buste di vestiti, scarpe, oggetti per la casa e libri ai charity shops che avrebbero potuto allestirci un negozio intero. In Italia avevo un armadio pieno di borse e vestiti ma l'espatrio mi ha insegnato a dare valore alle esperienze piu' che alle cose. L'ultima volta che sono stata in Italia ho buttato o regalato quello che potevo molti degli oggetti della mia vecchia vita e regalato molti libri alla biblioteca comunale. E' un esercizio che ripetero' nella prossima visita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem qui...ogni volta sono borsate di roba che nemmeno sapevo di avere... :O
      I libri li prendo volentieri in prestito anche io, idem per alcuni CD poi devo confessare che avere un kindle aiuta nella gestione dello spazio vitale.. ;-)
      Dovrò capire come dare in beneficenza anche le mie borse lasciate in Italia, quanto prima...perché buttarle via quando posso rendere felice qualcun*?
      Un abbraccio!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…