Passa ai contenuti principali

|| Decluttering || Salutandoti affogo (cit.)

Rimettere in ordine i propri spazi di vita, liberandosi di ciò che non occorre più, permette di lasciare scivolare via una vera e propria zavorra materiale che in realtà viene considerata come correlata alla sfera emotiva. E' proprio per questo che di norma, dopo aver riordinato e fatto spazio nella propria abitazione, nonostante la fatica che ciò può avere comportato, ci si sente meglio e di buonumore. (Fonte: greenme.it)





C’è aria di cambiamento, dalle mie parti. Di piccole e grandi rivoluzioni che partono – come sempre dovrebbe essere – da dentro. Giovedì ho sistemato le fonti – fotocopie, stampe, libri – della mia tesi di dottorato iniziando a dare un senso ai millemila foglietti che la sistemazione precedente non mi permetteva di utilizzare nel modo migliore. Ieri, poi, ho sistemato i tupperware del WG e sistemato un poco il balcone. Oggi, infine, ho fatto un po’ di ordine per quanto riguarda il mio reparto “beauty, cosmetici (spoiler alert: sono pochi ma ci sono) e medicinali.
Per intenderci, prima il contenuto del mio mobiletto in camera e della mia parte di scaffale in bagno - raccolto e messo insieme -  era questo:


Ora - dopo aver buttato cose che non uso più, creme scadute, flaconi vuoti - e riorganizzato le mie cose il risultato è decisamente un altro.


Questa prima foto (un porta-proteggi slip, qualche salviettina rinfrescante, del disinfettante e un paio di colliri monodose) corrisponde alle cose che da una settimana almeno progettavo di mettere in borsa
Qua invece ho sistemato il resto, riorganizzando le mie cose in modo da rendermene più facile l'accesso.

La busta/beauty con la cerniera fucsia contiene tutto quello che ho "in più", dallo shampoo comprato in offerta ai deodoranti (vivo nel terrore di non averne abbastanza e alla fine ne ho per una squadra di rugby...) sino ai cotton-fioc che non riesco a far stare nel dispenser.
La scatola con le coccinelle contiene il make-up che uso solo per le occasioni e i miei smalti, oltre a qualche pennello da ombretto. Gli ombretti, come vedete, sono in una "scatola nella scatola" che ho provveduto a chiudere. (Potesse essere utile per qualcuno: la scatola fa parte di un kit ikea che ne contiene tre piccole, una media e una grande).
Il portapenne blu (era il mio portapenne del liceo... sigh) contiene i medicinali (per fortuna pochissimi..) e un barattolo di vasellina per il post-bouldern.
La busta in plastica trasparente contiene il contenuto del mio beauty da viaggio, al quale dedicherò un post prima di partire per le vacanze... abbiate fede :D
Infine il beauty nero contiene le cose che tengo in bagno, tolte ovviamente quelle che non uso più, e fuori - come potete notare - tengo solo la crema giorno, la crema notte, il fondotinta, la lacca e due spray (rispettivamente crema corpo post-doccia e ricostituente per i capelli).

Ho sistemato il beauty nero in bagno accanto alle cose che preferisco rimangano fuori (le uso tutti i giorni) e tutto il resto è ritornato nel mobiletto che tengo in camera da letto, assieme alla crema solare e all'epilatore. Insomma, ho tirato tutto fuori, buttato il superfluo e l'inutilizzabile e ora sono pronta a ripartire. Con sprint - quello sempre - ma anche con ordine... mica male, giusto?

Ah, cosa MOLTO importante: sul - meraviglioso - sito "Donne che emigrano all'estero" sto scrivendo una serie di pezzi dal titolo "How to do expat on a budget". Che ne dite di venire a darci un'occhiata? :D


Commenti

  1. Aaah dovrei farlo anche io! Il mio bagno é il caos (per non parlare dell'armadio). Grazie dell'ispirazione :))

    Marika
    http://1810km.blogspot.nl/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao e benvenuta!
      Conto di dedicare presto un post al mio armadio - che ho già sistemato - perché so benissimo quanto può essere difficile trovare un sistema efficace per sistemarlo, soprattutto se lo spazio è poco. Stay tuned! Poi da quando la mia coinquilina mi ha spiegato come sistemare meglio t-shirt e canotte beh... è tutta un'altra storia! :D
      Buona serata!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…