Passa ai contenuti principali

|| Expat-Life || Küss mich von Gestern auf heute in Istanbul

Per l'accompagnamento musicale: QUA

Inizialmente, lo confesso, pensavo che essere expat fosse in qualche modo sinonimo dell'essere aperti, internazionali, deliziosamente liberali e dotati di quella dose di radical-chic che fa tanto figo.
Ecco.
Ieri ho avuto l'ennesima dimostrazione che il fatto di vivere all'estero non ci salva da pregiudizi, bigotteria, ignoranza e supponenza. Ma nemmeno un poco...
Sulla pagina Facebook di Italians in Fuga è stato condiviso un articolo del New York Times sulla differenza tra burqa, abaya, nihab, hijab.. insomma: una guida a questo aspetto sicuramente controverso ma anche estremamente affascinante della cultura musulmana.
Le reazioni mi hanno lasciata talmente perplessa che per una buona mezz'ora credevo di aver letto male.. l'associazione che andava per la maggiore riguardava la sottomissione ad un sistema indubbiamente patriarcale del quale però temo la maggior parte di noi abbia una visione che nasce soprattutto dalla sua rappresentazione mediatica. C'è addirittura chi ha iniziato a parlare di attentati terroristici dicendo che non solo una cosa del genere "fa schifo" ma viene sfruttata per nascondere bombe, armi e quanto altro. Il che mi ricorda i commenti - che fanno accapponare la pelle - tipo "Non vogliamo i rifugiati siriani perché portano l'ISIS a casa nostra". (Inciso: a casa "vostra" ci sono già da un pezzo e probabilmente vi hanno anche offerto un paio di caffè).
Ora, non per voler fare della politica spicciola (perché non è né il luogo, tantomeno il momento) ma credo che alla base di ogni affermazione ci dovrebbe essere una dose almeno minima di informazione, un po' di senso critico (peccato non lo diano in regalo con le figurine degli Europei di Calcio..altrimenti sai che successone..?) e tanta voglia di imparare. Nemmeno a dirlo, non ho visto nessuna di queste cose. Ed è un gran peccato.
Un po' come a ribadire il sempiterno "l'apertura mentale non è una frattura del cranio. Sapevatelo."

QUI, in ogni caso, il link alla discussione - a tratti agghiacciante - di cui sopra. A voi trarne le dovute conclusioni.

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…