Passa ai contenuti principali

||Expat-Life|| Suivez votre étoile


Ieri, approfittando di una splendida giornata di sole e della compagnia della mia adorabilissima coinquilina sono andata a far due passi all'Happy Market, una sorta di mercato delle pulci organizzato da un centro giovanile-culturale.
Oltre ad aver trovato la camicia-blusa per il matrimonio della mia migliore amica - credo di aver sentito gli angeli cantare in coro "Brava bravissima" - mi sono finalmente regalata la camicia in denim che volevo da un sacco di tempo per la modica cifra di 4,00€ e le ragazze del banchetto mi hanno dato una borsa per metterla dentro che - nella sua semplicità - mi ha fatto sorridere come un'imbecille per il resto della giornata.
È una semplice borsa in tela nera che al momento ospita i miei - pochi - vinili ma la scritta "suivez votre étolie" (seguite la vostra stella NdA) mi ha portato a riflettere su espatrio, destino, futuro, lavoro, supercazzole. 
Perché seguire la propria stella spesso non è facile, spesso ci porta a dubitare di noi stessi, spesso ci porta a chiederci "ma perché?!" e altrettanto spesso ci porta a qualche curva brusca, qualche inversione di marcia, qualche deviazione.
Eppure - ammettiamolo - quanto è bello saper di star lottando per costruirsi un futuro, saper di star facendo del proprio meglio e veder pian piano i risultati, anche se non sempre è facile?
Venendo da una famiglia in cui il lavoro è persino più importante delle relazioni interpersonali e spesso misura il successo di una persona - spoiler alert: non va bene. Non fatelo, siate bravi bambini - il dovermi costruire un futuro basandomi spesso su un lavoro ballerino ma bellissimo che purtroppo dovrò in qualche modo abbandonare - almeno in parte e per un primo tempo - per dedicarmi a qualcosa di stabile che mi dia la possibilità e il tempo di leggere, scrivere, ricercare per die holle Trulla (questo è il nome in codice della mia tesi di dottorato) non è facile. Le incomprensioni e discussioni via skype con la mia famiglia sono all'ordine del giorno, la frustrazione a volte sale oltre il livello di guardia e le notti passate a rigirarmi nel mio lettone ormai nemmeno le conto più.
Però - perchè c'è sempre un però - lo rifarei. Tutto. Anche le crisi di nervi, i pianti, i messaggi vocali di whatsapp in cui chiedo alle migliori amiche di sempre come fare... perché anche se non sembra inseguire un futuro in cui credo mi regala gioia, propositi, voglia di fare, idee.
Ho millemila progetti a lato dei quali prima o poi sentirete anche parlare e continuo così. Inseguendo le mie stelle, cercando di non perdermi e sorridendo. Tutto il resto è fuffa. 

Next time someone complains that you have made a mistake, tell him that may be a good thing. Because without imperfection, neither you nor I would exist. (Stephen Hawking)

Commenti

Post popolari in questo blog

||Expat-Life|| - ||How to||: Tedesco.. amo et odio

Trasferirsi in un paese straniero ci mette di fronte a tutta una serie di ostacoli, primo tra tutti quello della lingua.
Il tedesco, di per sé, non è una lingua difficile. Meglio: non è difficile se la gente smettesse di piagnucolare al ritmo di “ma è così complicato… perché non posso parlare in inglese? È cortesia verso gli ospiti, dopotutto…”. A differenza delle lingue romanze conserva una sua logica ed una struttura sufficientemente rigida da permettere in poco tempo di costruire frasi elementari ma comprensibili.
Ma come impararla?
Premessa: io ho iniziato ad avvicinarmi al tedesco a 16 anni, a scuola. Di quei due anni di lingua e uno di letteratura conservo nell’ordine la traduzione in tedesco di “visione del mondo” (Weltanschauung), “provenienza” (Staatsangehörigkeit) e un amore spassionato per Christa Wolf, Herman Hesse e Reiner Maria Rilke.
Ho continuato con il tedesco all’università ma – dovendo mantenermi gli studi e abitando a 90 km dall’ateneo – non ho mai avuto la possibili…

|| Expat-Life || 5 cose di cui liberarsi prima di trasferirsi all'estero

Jenny Mustard – autrice insieme al compagno David del blog maximal life for the minimalist - ha pubblicato di recente un video dal titolo “Cinque cose di cui non avete bisogno”, mostrando gingilli con cui tendiamo a riempirci la casa ma dei quali raramente abbiamo bisogno.
Seguendo questa linea di pensiero mi piacerebbe parlare delle cinque cose di cui occorrerebbe liberarsi prima di trasferirsi all’estero.
1 – I pregiudizi: sono tanti, spesso troppi e – soprattutto – sono dei banalissimi luoghi comuni. Un esempio? A Parigi non ho visto mandrie di selvaggi con le baguette sotto l’ascella, così come non ho incontrato frotte di bambini scalzi e sporchi in Irlanda. I tedeschi supponenti e in preda al complesso di Napoleone che ho incrociato sono stati pochissimi e i francesi che mi hanno guardato male perché nonostante anni di studio io parli "solo" come una francese del sud erano in realtà una minoranza un po' cretina e tanto - tanto! - giovane. Sarà fortuna? Io non credo… 2 …

|| Expat-life || Tornare è un po' morire

Ieri alle 9:30 sono partita da Milano per tornare a casa, in Germania. Tutti quelli che incontro - e che sono rimasti o non hanno mai avuto intenzione di partire - si dichiarano stupiti del fatto io parli di Germania in termini di casa, e anche la mia famiglia non fa mai eccezione.

In ogni caso, ieri sono tornata a casa dopo un week-end passato con i miei genitori e un paio di amici in Italia. La domanda che, ancora una volta, non sono riuscita a risparmiarmi è stata Perché?

Perché sono tornata pur sapendo che non sarebbe stato tutto rose e fiori, che mi sarei scontrata con i limiti e preconcetti di chi non è ancora venuto a patti col fatto che non mi senta più a casa nel posto in cui sono cresciuta - che, a conti fatti, non mi sia mai sentita a casa -. Perché non sono stata zitta ogni volta che ho visto cose che non dovrebbero stare né in cielo tantomeno in terra (leggasi: abuso di alcool, vita insalubre nonostante problemi di salute, commenti razzisti e xenofobi...). Perché continuo…